Torre Costanera
  1. Home
  2. Architettura
  3. Torre Costanera

Torre Costanera

Una nuova icona tra le Ande

Torre Costanera
Scritto da Redazione The Plan -

Lo skyline di Santiago del Cile, dominato dalla Cordigliera delle Ande che fa da sfondo all’agglomerato urbano della capitale del Paese, si è arricchito di una nuova icona: la Torre Costanera, che con i suoi 64 piani sviluppati su 300 metri di altezza è la struttura più alta del Sud America. Il progetto di Pelli Clarke Pelli Architects in collaborazione con Alemparte Barreda Wedeles Besançon Arquitectos y Asociados ha studiato un volume vetrato che si staglia distintamente sul panorama con una silhouette snella che si erge dall’angolo nord occidentale del Costanera Center. Il complesso multifunzionale si trova nella zona nord-est della città, vicino al fiume Mapocho, e con la sua superficie che copre 47.000 mq ospita un centro commerciale e altre due torri per uffici con negozi, ristoranti, due hotel, un eliporto e un parco pubblico in quota: una vera città nella città che trova nella Torre Costanera il suo simbolo. La sostenibilità è il criterio che ha guidato le scelte durante tutto l’iter progettuale: dal design del volume, alla scelta dell’involucro esterno, dalla scelta dei materiali alle tecnologie impiantistiche, tutto concorre a rendere la Torre Costanera altamente sostenibile. Naturalmente anche l’illuminazione gioca un ruolo rilevante nel contenimento dei consumi e dei costi legati alle attività di manutenzione. In questo caso gli architetti hanno deciso di affidarsi alle tecnologie di Targetti, ritenute fondamentali per la realizzazione del progetto illuminotecnico sviluppato da Douglas Leonard Lighting Designers. Mantenendo un elevato appeal estetico e di design, il progetto illuminotecnico è studiato per garantire comfort visivo agli utenti e ridurre al tempo stesso i consumi. Le aree comuni dei 64 piani della torre prevedono infatti l’uso dei downlight incassati CCTLed, che garantiscono una bassa densità di potenza, pari a 7,2 W/mq. Il dato risulta quasi del 50% inferiore al livello richiesto per la certificazione LEED e assicura più di 50.000 ore di vita, valore che per la destinazione d’uso richiesta corrisponde a circa dieci anni di funzionamento senza manutenzioni. Gli apparecchi CCTLed di Targetti sono stati selezionati anche per l’ampiezza di gamma, che permette di scegliere, tra le numerosi versioni disponibili, quella più idonea ad ogni esigenza progettuale, mantenendo coerenza estetica e pulizia formale. Il progetto illuminotecnico ha ottenuto ottimi risultati con uniformità di illuminamento e comfort visivo garantito in ogni ambiente e con ogni condizione di illuminazione naturale.

Visualizza il pdf dell'articolo
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054