The Hungry Fox di Bruce Henderson Architects | THE PLAN
  1. Home
  2. Architettura
  3. The Hungry Fox

The Hungry Fox

Bruce Henderson Architects

The Hungry Fox di Bruce Henderson Architects | THE PLAN
Scritto da Bruce Henderson Architects -

C’è un legame tra l’ambiente fisico e il nostro benessere emotivo e i designer australiani sembrano avere un'innata capacità di avvicinare la natura alla vita e al tempo libero. L'ultimo esempio di questa abilità è una caffetteria che ha aperto recentemente le sue porte a Melbourne. Hungry Fox (di LaManna) all'Autocentro di Essendon Fields, è stata progettata utilizzando materiali naturali provenienti da tutto il mondo e ha un vasto menu (panini di anatra alla pechinese e gnocchi di ricotta fatti in casa) con ingredienti che si combinano per offrire un'esperienza tipicamente australiana. La caffetteria è il primo progetto in Australia a utilizzare il tulipier americano modificato termicamente, per il rivestimento esterno. Selezionato per il suo colore caldo e la sua texture uniforme, il tulipier americano ha fornito non solo l'effetto estetico voluto dagli architetti Bruce Henderson, ma anche una grande stabilità. Il processo per modificare termicamente il legno infatti, lo riscalda fino a quasi raggiungere il punto di combustione, per modificarne la struttura molecolare e quindi trasformarlo in un materiale durevole per l'uso esterno. Il legno così lavorato, richiede un'attenzione minima una volta utilizzato per l'esterno, il che lo rende una scelta perfetta per un progetto come questo.
L’Interior Architects, Lukas Partners, ha accettato la sfida di creare un interno contemporaneo, caldo e invitante per la caffetteria. Consapevole dei principi del design biofilico e del loro impatto emotivo, l'atmosfera che ha cercato di ottenere è quella della fauna terrestre australiana. La sua attenzione si è rivolta soprattutto ai materiali naturali, ispirati al guscio dei frutti dell’albero della gomma e ai toni dell'eucalipto. Il soffitto a volta, che prende spunto dal design degli esterni, è una grande distesa di tulipier americano modificato termicamente controbilanciata da un bancone in pietra: un granito con bordo in acciaio che aggiunge un forte impatto all’ambiente e ben si raccorda con il pavimento in cemento a vista.
I tavoli in frassino americano massiccio, creati dal produttore locale Charles Sandford, sono accompagnati da sedie realizzate con lo stesso legno, con sedute in pelle traforata e lana che ha mantenuto la sua naturale variazione di colore. Il traforato è un motivo ricorrente del locale, insieme agli schermi nella zona d'attesa e ai pannelli in noce americano tagliati al laser che nascondono con stile un pannello acustico, rendendo il caffè il luogo ideale per incontrarsi e conversare in modo rilassato. Lo stile generale è completato da enormi lampadari a tamburo creati su progetto di Lukas Partners dallo specialista locale Bad Wolf, specializzato in illuminazione su misura.
Il parco giochi adiacente alla caffetteria è stato creato da Adventure+. Il cipresso bianco australiano, trattato con una tinta che si abbina al rivestimento in tulipier americano, fa sì che l’Hungy Fox sia una calamita per le famiglie, oltre che per i professionisti locali e i clienti del vicino supermercato LaManna.
Lo spazio grande e accogliente crea un vero senso di benessere. Forse, il più grande riconoscimento è da parte del personale stesso "Mi piace venire a lavorare qui è davvero accogliente. Soprattutto in inverno" dice Hayley Cardis, che lavora all’ Hungry Fox da quando è stato aperto. È un ambiente sano sotto ogni punto di vista per tutti coloro che lo visitano.

Architects: Bruce Henderson Architects
Interior Architects: Lukas Partners
Timber Supplier: Hazelwood & Hill
Timber Importer: American Hardwoods

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Tizia May Photography  #Peter Tarasiuk  #Melbourne  #Australia  #Legno  #Ristorante  #Oceania  #Bruce Henderson Architects  #Architettura in legno 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054