The Bryant, il fascino del classico a New York
  1. Home
  2. Architettura
  3. The Bryant, il fascino del classico a New York

The Bryant, il fascino del classico a New York

David Chipperfield

The Bryant, il fascino del classico a New York
Scritto da Redazione The Plan -

Midtown Manhattan, cuore di New York, sede degli edifici più importanti della città e uno dei più grandi quartieri finanziari al mondo. In questo contesto già molto ricco e variegato si inserisce The Bryant la nuova torre di 32 piani realizzata da David Chipperfield Architects.

L’edificio è il primo firmato dall’architetto britannico a New York e ospita 57 residenze private ai livelli superiori e un hotel che si estende dal piano terra fino al 14°.

Il design si ispira alle forme degli edifici storici circostanti, come il Knox Building a ovest e la New York Public Library a nord. La struttura e la scansione funzionale della torre è tripartita come da tradizione newyorkese dividendosi in: base, centro e corona.

La base occupa l'intera larghezza del sito e contiene un piano terra a doppia altezza e i primi quattro livelli dell'hotel. Un ingombro ridotto, insieme a una maggiore altezza dal pavimento al soffitto per il bar e la lounge dell'hotel, segnano l'inizio della sezione centrale. In alto, la corona è definita da spazi a doppia altezza che formano i due attici.

Esternamente l’aspetto estetico è affidato ad una grigia compositiva in lastre e colonne di calcestruzzo prefabbricato e levigato che conferisce all’edificio una fisionomia solida, concreta e classica. Il calcestruzzo stesso contiene aggregati identici alle varietà di pietra che si trovano nelle facciate in muratura degli edifici vicini, incorporando ulteriormente la torre nel suo contesto

Anche gli interni offrono una novità interessante. Ogni appartamento è arredato con al centro una struttura in legno che separa gli ambienti e consente una libera circolazione lungo le pareti perimetrali dell'edificio. Attraverso schermi scorrevoli, posti anch’essi al centro, i residenti hanno la flessibilità di adattare gli ambienti alle mutevoli esigenze abitative.

Project start: 2013
Completion: 2021
Client: HFZ Capital Group
Architect: David Chipperfield Architects London
Project director: David Chipperfield, Billy Prendergast
Project architect: Mattias Kunz
Project team: Mira Abad, Pau Bajet, Gonçalo Baptista, Kleopatra Chelmi,
Florian Dirschedl, Gabriel Fernandez-Abascal,
Micha Gamper, Ines Gavelli, Maria Giramé,
Christopher Harvey, Johannes Leskien, Nic Moore,
Sergio Pereira
Contact architect: Stonehill & Taylor Architects, P.C.
Lighting consultant: George Sexton Associates LLC
Acoustic consultant: Shen Milsom & Wilke LLC
Structural engineer: Severud Associates Consulting Engineers P.C.
Services engineer: WSP Group PLC
Real estate
consultant: Corcoran Sunshine
Façade consultant: Vidaris, Inc.
Contractor: T.G. Nickel & Associates LLC

Photography by © Simon Menges, Richard Davies
Chipperfield Architects London

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Simon Menges  #Richard Davies  #New York  #USA  #Calcestruzzo  #Complesso multifunzionale  #2021  #David Chipperfield  #Architettura Internazionale 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054