Teatro di Repentigny, come una piazza da condividere
  1. Home
  2. Architettura
  3. Teatro di Repentigny, come una piazza da condividere

Teatro di Repentigny, come una piazza da condividere

Dotato di ampi e flessibili spazi, il teatro è parte del complesso civico progettato per ospitare numerose e diverse attività culturali

Les Architectes FABG

Teatro di Repentigny, come una piazza da condividere
Scritto da Redazione The Plan -

Il teatro di Repentigny, firmato dallo studio di architettura FABG, è il frutto di un concorso finalizzato alla realizzazione di uno spazio culturale polifunzionale e flessibile nel comune del Québec, uno spazio dove percepire in modo più forte il proprio senso di appartenenza alla comunità. Inoltre è parte integrante di un più ampio complesso civico.

 

Come una piazza dove incontrarsi

Repentigny theatre, Les architectes Fabg ©Steve Montpeti, courtesy of Les architectes Fabg

È un luogo vivace, accogliente, aperto alla città tutta, un luogo attraverso il quale guardare la propria terra con uno sguardo diverso e grazie al quale aumentare il proprio senso di appartenenza. Con questi valori è stato progettato e realizzato dallo studio canadese FABG il nuovo teatro di Repentigny, parte integrante del più ampio complesso civico del comune in Québec, in Canada, e frutto di un concorso di architettura finalizzato alla realizzazione di un luogo votato alla cultura e alla condivisione, così come espresso nel tempo dagli stessi abitanti del posto.

Il teatro infatti, dotato di una sala dalla configurazione variabile con 350 posti a sedere, è pensato per ospitare spettacoli teatrali e di musica classica, ma anche attività artistico-culturali di diverso genere, talvolta anche di carattere più informale, così da rendere l’intero quartiere un angolo vivo e accogliente per tutti gli abitanti della periferia. Anche per questo, tanti degli spazi del teatro sono paragonabili a più o meno ampie piazze, almeno dal punto di vista del loro portato simbolico. Caratteristiche e valori che sono stati tradotti e reinterpretati fino a diventare una terrazza panoramica aperta sul parco circostante, una scalinata con ballatoio e una hall dalle estese vetrate. Questi spazi, dunque, sono tutti testimoni della volontà di creare uno spazio adatto alla relazione, alla mediazione, al legame tra persone espresso dalla comunità stessa. Un filo di connessione lo si può vedere anche tra ambienti interni ed esterni: le vetrate, infatti, permettono di tessere una trama di continuità tra le due sfere, quella fisica tanto quanto visiva, oltre a garantire un apporto di luce naturale costante.

 

>>> Scopri anche Yang Liping Performing Arts Center, il centro per le arti performative commissionato dalla ballerina Yang Liping. Qui un'anteprima dell'articolo pubblicato su THE PLAN 131.

 

 

Gli interni e gli esterni del teatro di Repentigny

Repentigny theatre, Les architectes Fabg ©Steve Montpeti, courtesy of Les architectes Fabg

Il terrazzo panoramico al di sopra dell’ingresso, ad esempio, si affaccia sui giardini tematici antistanti, sul parco e su l’Île-Lebel e, ancora, sul fiume St-Lawrence. Il terrazzo, inoltre, è dotato di una copertura con pannelli in legno a strati incrociati che, illuminata di notte, conferisce all’intera struttura una forte identità, al pari della scalinata bianca e dell’ingresso. In legno è realizzato anche il soffitto del foyer, un ampio spazio a doppio volume con scalinata interna.

Repentigny theatre, Les architectes Fabg ©Steve Montpeti, courtesy of Les architectes Fabg

Per garantire la polifunzionalità dello spazio e la qualità delle attività e degli spettacoli, le pareti della sala con buca d’orchestra sono rivestite con doghe verticali e con pannelli assorbenti in lana di roccia, in modo tale da ottenere un’acustica ottimale e adattabile, evitando gli effetti di eco fluttuante e di riverbero. Un’analoga flessibilità la si ritrova nella disposizione delle sedute che, oltre alla più classica con gradinate telescopiche, può essere trasformata in stile cabaret o banchetto.

La multifunzionalità è una delle caratteristiche rintracciabile anche nello spazio esterno a piano terra, allestito senza vincoli progettuali fino a diventare ancora una volta un luogo di aggregazione accessibile e piacevole. È così che il merito del progetto è diventato anche quello di una complessiva valorizzazione dell’area di connessione tra lo stesso teatro e il Diane-Dufresne Art Centre.

 

>>> Scopri anche l'Oriental movie metropolis Show Theater, partecipante al THE PLAN Award 2021 per la categoria Culture.

 

>>> C'è tempo fino al 31 maggio per iscriversi al THE PLAN Award 2022, premio internazionale annuale di eccellenza in architettura, interior design e pianificazione urbana con 20 categorie tematiche, tra cui Culture, dedicata a musei, biblioteche e centri culturali.

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Location: Repentigny, Canada
Architect: Les architectes FABG
Commissioning date: May 2021
Client: City of Repentigny

General contractor: l'archvêque et Rivest ltée
Mechanical/Electrical Engineer: SNC-LAVALINC
Civil/Structural Engineer: Tetra Tech QI Inc
Scenographers: Go Multimédia
Landscape Architect: Fauteux et Associés

Photography by Steve Montpetit, courtesy of Les architectes Fabg

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054