Giuseppe Tortato: Showroom Bonaveri
  1. Home
  2. Architettura
  3. Showroom Bonaveri

Showroom Bonaveri

Giuseppe Tortato

Scritto da Francesco Pagliari -

BonaveriMilano è un'effervescente coniugazione di spazi e di attività, un insieme di elementi che si collegano alla creatività e all'imprenditoria: l'azienda è protagonista nel mondo della moda, per l'ideazione e la realizzazione dei manichini che propongono una visione tridimensionale, per capire - ed ammirare - gli abiti e gli accessori, lanciando una visione realistica e nello stesso tempo immaginifica. Per un'azienda che unisce caratteri innovativi e qualità nel processo ideativo e produttivo, con un richiamo esplicito ad una molteplicità di competenze e di conoscenze (forme di progettazione in senso lato, artigianalità, procedimenti artistici, ragguardevole padronanza tecnologica), il concetto di showroom, un luogo esclusivamente dedicato all'esposizione di prodotti, non può che essere ampliato: il progetto architettonico segue ed interpreta con espressività creativa un'impostazione a tutto campo, che riflette inventive compresenze. Narrare la storia dell'azienda, la tecnologia e l'artigianalità che si verificano nella gamma dei prodotti, intersecare suggestioni che si aprono all'arte (non soltanto nel cerimoniale d'inaugurazione per la struttura, ma anche nella quotidianità, in cui sostenere la pluralità di significati accolta negli spazi), introdurre occasioni di cultura diffusa: BonaveriMilano è un accumulo di esperienze e di potenzialità, che trovano nell'architettura il loro campo di sovrapposizione. L'architettura e l'allestimento rendono possibile percepire funzioni differenti, suggerendo un percorso dal respiro ritmico, che incontra una dinamica visiva e concreta di luoghi che si legano all'interno di un “contenitore” contrassegnato da luce, dettagli, raffinatezza di soluzioni d'architettura. Il percorso diviene fattore espositivo: popolati di manichini, il piano terra, il soppalco si stringono attorno al patio da cui penetra attraverso le ampie vetrate a tutt'altezza un'intensa luminosità naturale a rifrangersi sui pavimenti in legno e sulle pareti rifinite e screziate, incrociandosi con la teatralità - come in una scenografia mutevole - della luce artificiale, con i corpi illuminanti a soffitto e le strisce a led che segnano le pareti. L'ingresso accoglie una traccia di “collezione permanente” di manichini, e indica due direzioni d'itinerario.Un primo accento lascia intravedere che al piano terra si estendono in continuità altri ambienti, dagli spazi di lavoro che si arricchiscono di una storia per immagini della produzione e dell'incrocio latente fra arte e tecnica, al luogo di ristoro e cucina attrezzata, per concludersi nello spazio di confronto, di riflessione e per eventi, in cui una libreria a tutt'altezza indica accumulo di conoscenze nella moda, nel design, nell'arte. Ulteriore accento direzionale si coagula nella scala che conduce al soppalco: un oggetto architettonico progettato per render visibile raffinatezza e suggestione, che accompagna e determina lo spazio interno con il parapetto in lamiera smaltata grigio chiaro, un elemento caratterizzante, funzionale e di preponderante tridimensionalità, un nucleo rilevante che attrae, anche per l'unicità della sua coloritura. La continuità degli spazi, come per slittamento progressivo, sfocia nel soppalco, negli uffici, nella foresteria, e conduce come un itinerario necessario alla terrazza, luogo per eventi all'aperto.
Originalità e vivacità: l'architettura offre e riprende suggestioni, l'allestimento degli interni diviene esperienza narrante, lo spazio matura riflessi dell'invenzione progettuale, che si rispecchia nella connessione col mondo della moda e del design, fra arte, artigianato e tecnica.
Francesco Pagliari   

 

Luogo: Milano
Committente: Bonaveri
Anno di Realizzazione: 2014
Superficie Costruita: 350 m2
Architetti: Giuseppe Tortato
Design Team: Elena Fantoni, Giorgia Celli
Visual Design Project: Emma Davidge,
Chameleon Visual

Fornitori
Muri: Styl-Comp
Serramenti e Lucernai: Uniform
Pavimenti: Microtopping
Porte e Armadiature: Sistemi Raso Parete
Sanitari: Pozzi Ginori
Pavimento in Legno: Idee Parquet

Fotografie: © Maurizio Montagna

 

Giuseppe Tortato
Nato a Venezia nel 1967, si laurea presso il Politecnico di Milano per poi trasferirsi all’università di Amherst nel Massachusetts; qui collabora con un allievo di Paolo Soleri alla realizzazione di edifici pubblici e privati secondo i principi dell’architettura bioclimatica. Rientrato a Milano, dopo una collaborazione con Dante Benini si associa allo studio Milano Layout fino a diventarne il co-titolare. Nell’ultimo decennio è stato l’ideatore dei principali progetti dello studio nell’ambito Real Estate. Nel 2013 fonda Giuseppe Tortato Architects, nuovo contenitore con cui proseguire l’attività sin qui sviluppata. Ha realizzato per Beni Stabili SGR il concept del Green Business Hotel di Milano e l’Hotel Metropole di Parigi per GVA Redilco, vincitore Hospitality Award 2010. Oltre a Morimondo 23 e La Forgiatura da poco completati, le sedi delle società Ab Medica e Temporary, lo sviluppo residenziale Parco Mare a Trieste, sono gli interventi più rilevanti attualmente in costruzione.

Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN
Tag
#Maurizio Montagna  #Milano  #Italia  #Boutique  #Europa  #Giuseppe Tortato  #Architettura Italiana 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054