Se77antasette - Fernando Romero
  1. Home
  2. Architettura
  3. Se77antasette

Se77antasette

Fernando Romero

Scritto da Fernando Romero - 26 febbraio 2018

Se77antasette è il primo concept yacht progettato per il cantiere Benetti dal designer internazionale Fernando Romero. Presentato in anteprima mondiale al Monaco Yacht Show 2017, Se77antasette incarna lo spirito Benetti di innovazione, progettazione, tecnologia e artigianalità. Lungo esattamente 77 m, Se77antasette si allontana dall’idea tradizionale degli yacht che aderiscono a un rigido ordine orizzontale e si caratterizza per un design rivoluzionario che unisce linee continue con geometrie articolate che si ispirano all’habitat marino, creando una connessione armonica tra tutti i ponti, gli elementi di design e l’ambiente circostante. A livello visivo, questa dinamica unione tra i ponti va a formare un corpo unico che sembra intagliato nella struttura dell’imbarcazione, offrendo delle originali proporzioni spaziali che esaltano l’unione con la natura e il mare. Questo tipo di design si serve anche dell’utilizzo di una tecnologia altamente avanzata che si ritrova in primo luogo in un’innovativa disposizione dei sistemi di navigazione e di propulsione.

I radar - solitamente visibili sopra lo yacht - sono qui completamente integrati e invisibili. Gli ingegneri di Benetti hanno collaborato con i più esperti fornitori aeronautici e nautici per studiare un modo totalmente nuovo di nascondere - all’interno della cupola di vetro superiore - i dispositivi di navigazione, senza compromettere il controllo dell’imbarcazione e la sicurezza del proprietario, dei suoi ospiti e dell'equipaggio. Per quanto riguarda i sistemi di propulsione, la configurazione finale prevede cinque generatori Caterpillar a velocità variabile che consentono di sfruttare appieno la potenza raggiungibile dal motore diesel perché la velocità non è limitata dalle rpm e, di conseguenza, lo spazio necessario è ridotto. Con questa configurazione è stato possibile contenere l’intera sala motori su un solo livello, sotto il ponte inferiore, consentendo così di riservare l’intero lower deck agli alloggi.

Estremamente soddisfatto Vincenzo Poerio, Ceo di Benetti, che nel commentare questa ultima sfida sottolinea “l’essenza decisamente innovativa del progetto nata grazie all’unione perfetta di due mondi differenti, quello della nautica e quello dell’architettura civile; la difficoltà maggiore è stata quella di rendere un prodotto già ottimo, ancora migliore. Se infatti l’identità del cantiere è riconoscibile in tutto il mondo come prodotto sofisticato di lusso, il Se77antasette, grazie all’abilità di Romero e al know-how di Benetti, eleva lo yachting a una dimensione superiore rispetto a quello che abbiamo conosciuto finora”.

Se77antasette si caratterizza per l’estrema adattabilità delle aree alle differenti esigenze di vita di bordo. Il ponte di ingresso a poppa, con tre aperture complete, si trasforma in una enorme terrazza sul mare circostante diventando un’esclusiva Spa completamente dedicata al relax. La possibilità di aprirsi al mare o rimanere uno spazio chiuso e intimo la rende una delle zone più esclusive a bordo. Qui gli ospiti posso rilassarsi nella piscina di acqua dolce, ricevere un massaggio o utilizzarla come palestra o per lavorare in un ambiente rilassante. Pensato infatti per le esigenze di un business man, lo yacht si presta anche perfettamente per incontri di lavoro, e a questo proposito offre un’area dedicata con una vista a 270 gradi sul mare, dove il proprietario può organizzare meeting, presentazioni o riunioni private.

La zona giorno centrale del Se77antasette - con doppia altezza nel cuore della nave e un collegamento visivo tra ogni ponte - crea un'apertura e degli spazi ineguagliabili per la maggior parte degli yacht di questa dimensione. Questo salone può essere completamente trasformato a seconda di come viene utilizzato: per la prima colazione con la famiglia nella zona pranzo aperta, in sala cinema, in un teatro o in una pista da ballo con palla stroboscopica al centro e postazione DJ per le feste con gli amici. La master suite del Se77antasette - che si trova a prua del ponte principale - è un appartamento di 100 mq quadri di grandezza ai quali si aggiungono 140 mq di area privata esterna da godere in completa privacy. Al suo interno è previsto uno studio/ufficio altamente tecnologico per connettersi da ogni parte del mondo. Il letto in legno montato su misura è situato al centro della stanza con divani su entrami i lati e cabina armadio. Il grande bagno in marmo ha vista mare e stanze private per doccia e toilette. Sul terrazzo di prua si trova, oltre a comodi divani, una piscina privata profonda 1,5 m. Questo spazio, grazie a un sistema di sollevamento del pavimento, può essere all’occorrenza trasformato in eliporto.

Le due cabine VIP e le quattro cabine ospiti si trovano sul ponte inferiore. Le prime due, con cabina armadio e bagno per Lui & Lei, hanno una vetrata scorrevole dal pavimento al soffitto che consente l’accesso alla terrazza privata dotata di sistema telescopico. Le guest, invece, si trovano a centro nave e anche questi ambienti godono di una vetrata in cui è inserita una struttura sinusoidale che può fungere da seduta e da tavolo per godere la massima vista sul mare. L'osservatorio, sul ponte superiore, è lo spazio più nascosto e intimo di Se77antasette. Questo è composto da lastre di vetro da 8,5 m l’una, che sono state sottoposte a severe sollecitazioni per assicurarne la resistenza. I montanti integrano condotti per l'aria condizionata, per avere sempre un ambiente climatizzato, mentre durante la notte la cupola può diventare uno schermo per realtà aumentata controllato da comandi vocali e sensori di movimento, per avere la posizione dello scafo e una vista mozzafiato del cielo stellato.

Lungo 77 m e largo 14,20 m, sarà equipaggiato con cinque generatori Caterpillar a velocità variabile, 4xC32 (1048 ekW @ 2300 rpm) e un C18 (563 ekW @ 2100 rpm) collegati a due coppie di pod a eliche controrotanti (1700 kw ciascuno), guidati da motori a magneti permanenti. I generatori a velocità variabile consentono di sfruttare appieno tutta la potenza del motore diesel e, in più, richiedono meno spazio nella sala macchine. Un altro vantaggio dei generatori a velocità variabile è una migliore distribuzione dei carichi nelle diverse modalità operative (crociera, ancora, ecc.). Questo complesso a velocità variabile comporta, inoltre, una riduzione delle emissioni di scarico. Il sistema di propulsione garantisce una velocità massima di circa 16 nodi e un’autonomia di 5.000 miglia nautiche a 12 nodi di andatura e, grazie alla riduzione degli spazi, consente di ospitare a bordo 12 ospiti, mentre nel ponte inferiore possono alloggiare 19 membri dell’equipaggio.

Fernando Romero, fondatore di FR-EE, commenta: “Se77antasette nasce dall’analisi del DNA di Benetti e al tempo stesso dalla riflessione su ulteriori scenari che le nuove tecnologie hanno reso possibili, permettendoci di creare un’esperienza di navigazione completamente nuova… Le linee sinuose e gli spazi contigui hanno generato un sofisticato ecosistema di programmi e collegamento senza soluzione di continuità. Questa straordinaria collaborazione ha visto FR-EE e Benetti unire con successo la nostra esperienza collettiva per realizzare un superyacht all’avanguardia, una nuova forma di arte per il 21esimo secolo”.

Guarda il video > vimeo.com

Tag
#Copertura in legno  #Vetro  #Legno  #Marmo  #Fernando Romero 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054