Scuola Samuel Paty, crescere tra architettura e verde
  1. Home
  2. Architettura
  3. Scuola Samuel Paty, crescere tra architettura e verde

Scuola Samuel Paty, crescere tra architettura e verde

Un nuovo complesso rispettoso del territorio di La Dèvez

ateliers O-S architectes | NAS Architecture

Scuola Samuel Paty, crescere tra architettura e verde
Scritto da Redazione The Plan -

La nuova scuola Samuel Paty nel quartiere di La Dèvez di Béziers, comprendente sia le elementari sia la materna, è l’emblema della rivoluzione e del ridisegno propri del quartiere nel quale è inserita: dal 2004 a oggi, quest’area della regione dell’Occitania è andata incontro a una profonda trasformazione, così da ridurre progressivamente la sua densità di costruzione e da raggiungere un aspetto più diversificato e a misura d’uomo. Le grandi dimensioni delle costruzioni tipiche degli anni Settanta sono state per così dire rimpicciolite fino a ottenere edifici di più piccole dimensioni e dal minor impatto visivo, senza tuttavia rinunciare alla funzionalità delle varie tipologie di strutture. Il complesso scolastico Samuel Paty, firmato da ateliers o-s architectes in collaborazione con NAS Architecture, ne è dunque un esempio emblematico: rispetto alla precedente Ecole de Oliviers, il complesso risulta protetto nei confronti dei flussi esterni, incentrato intorno a due cortili e articolato in volumi giustapposti. Una distribuzione, questa, che programmaticamente permette di dare vita a micro-paesaggi ricchi di verde, dove la natura diviene dunque una protagonista fondamentale della vita di tutti i giorni della comunità scolastica. Tutte queste caratteristiche, dunque, permettono di parlare di un dualismo tra porosità e massività, oltre che di un complesso in grado di svilupparsi in senso longitudinale e in armonia con la topografia del sito.

Nel suo inserimento discreto nel territorio contribuiscono allo stesso tempo l’altezza – limitata a un unico piano terra –, i tetti pressoché tutti a falde, le forme essenziali geometriche e i colori tenui, nonché l’inserimento, come detto, di elementi vegetali. La porosità del progetto è percepibile anche dall’interno, grazie alle alte e ampie vetrate che lasciano correre lo sguardo dall’interno all’esterno e viceversa e che rendono accoglienti gli ambienti scolastici e gli spazi comuni. Diverse anche le aperture e le finestre di varie forme che si susseguono lungo i corridoi, spazi a loro volta valorizzati dalla luce naturale.

Porosità e massività dell’architettura possono essere letti nei loro corrispettivi valoriali: sono questi ad aver dato forma al progetto. Da una parte c’è apertura verso l’esterno e gli spazi giochi all’aria aperta, così da permettere ai bambini e alle bambine di usufruire di ampie aree di apprendimento informale tra cortili, aree a gradoni e zone ibride porticate, mentre dall’altra c’è la loro protezione nei confronti dei pericoli circostanti la scuola.

 

Il valore del verde e della condivisione

Scuola Samuel Paty, o-s and NAS ©Cyrille Weiner, courtesy of o-s and NAS

Il verde ha un ruolo fondamentale nell’intero progetto della scuola Samuel Paty che, a ben vedere, è un portato storico del quartiere: l’accento è stato posto proprio sulla conservazione degli alberi secolari, come i platani e i pini circostanti. Questa piantumazione generosa, dunque, è stata riproposta nel cuore della scuola, talvolta emergente dalla stessa copertura traforata con aperture circolari zenitali soprastante gli spazi ibridi.

A partire dallo spazio centrale esterno fino ad arrivare a quello interno, l’organizzazione degli spazi è di facile comprensione per i bambini di tutte le età, in particolare per il raggiungimento degli spazi comuni, quali mensa, biblioteca (questi due separati dal resto ma ben collegati) e giardino didattico. Lo stesso vale per il centro medico scolastico, in modo tale da valorizzare e facilitare ciascuna funzione di ogni ambiente.

L’effetto, in ultima istanza, è molto simile a quello di un piccolo villaggio nel villaggio, completamente autosufficiente e dotato di tutti i servizi necessari nella vita quotidiana dei bambini della scuola.

>>> Scopri anche la ristrutturazione del liceo Frédéric Joliot-Curie di Dammarie-les-Lys

 

Iscriviti alla newsletter

 

Credits

Location: Béziers, France
Architects: ateliers o-s architectes and NAS Architecture
Area: 3.800 m2
Completion: 2023

Photography by Cyrille Weiner, courtesy of o-s and NAS

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054