ROVERE BIANCO AMERICANO PER IL WARNER STAND
  1. Home
  2. Architettura
  3. ROVERE BIANCO AMERICANO PER IL WARNER STAND

ROVERE BIANCO AMERICANO PER IL WARNER STAND

Mike Jeffree

Scritto da Redazione The Plan -

Le innovative travi in ​​legno di latifoglia con cui è stato realizzato il nuovo stand di 2.600 posti del Lord’s Cricket Ground, garantiscono sia un successo estetico che buone prestazioni.
Il tetto aggettante del nuovo Warner Stand del Lord's Cricket Ground descrive il lungo arco basso di una palla lanciata dal bordo campo al wicket. La luminosità del tessuto PTFE ad alta tecnologia fa in modo che gli spettatori non siano mai in piena ombra, senza aver bisogno di proteggersi gli occhi dal sole, e la seduta è posizionata per offrire ciò che alcuni intenditori di cricket si contendono: la vista migliore del campo, diagonalmente attraverso il campo da gioco.
Ma la nuova struttura è più che un semplice successo estetico che fa contento il pubblico. È anche pioneristica dal punto di vista tecnico in termini di materiale utilizzato per le 11 travi aggettanti, lunghe fino a 23 metri, che tengono il ​​tetto. Le travi sono in rovere americano lamellare ed è la prima volta che questo legno viene impiegato su questa scala e in un ambiente critico come questo dove costituisce la struttura portante di un tetto sporgente su oltre 2.674 spettatori. Una prestigiosa vetrina per il design e le prestazioni tecniche, che dovrebbe stimolare un uso più ampio di rovere bianco nell’edilizia, anche più ambizioso.
La struttura è il risultato della stretta collaborazione tra gli architetti di Populous, specializzati negli stadi, gli ingegneri di Arup, il fornitore di rovere americano Robinson Lumber, i produttori di legno ingegnerizzato Hess Timber, BAM Construction e American Hardwood Export Council (AHEC), da tempo appassionata sostenitrice dell'uso strutturale dei legni di latifoglia americani. AHEC oltre alla consulenza tecnica, ha fornito supporto nel procurare il legname.
Il brief per Populous dal cliente, il Cricket Club Marylebone (MCC), era quello di consegnare uno stand che superasse le carenze del suo predecessore e che avesse una propria identità visiva senza però essere troppo invasivo rispetto alle altre strutture del Lord’s al fianco delle quali siede.
"Lord’s comprende diversi stili individuali degli stand più che un unico design dello stadio; è un campus architettonico, una sorta di complesso di 'padiglioni intorno a un villaggio verde' ", ha dichiarato Philip Johnson, Populous Senior Principal e Project Lead. "Così abbiamo fatto riferimento ad altri stand, in particolare al tetto di tende del Mound Stand. Allo stesso tempo, volevamo qualcosa di nuovo: una struttura che desse un’impressione di leggerezza - da qui la tettoia in tessuto piuttosto che in vetro e la sezione aggettante di 13m che la fa sembrare galleggiare sulla folla. Volevamo catturare il carattere estivo del cricket e l'atmosfera di un club locale a tendone".
Populous voleva anche quella atmosfera nel ristorante sul retro dello stand. "Le travi si estendono dietro dove abbiamo usato lo stesso tessuto del tetto, ma con una doppia parete e uno strato intermedio Airgel isolante ", ha detto Johnson. "Quindi abbiamo la stessa luminosità, ma combinata con doppi vetri e fonti rinnovabili, incluso il riscaldamento a terra, che consente di utilizzare la struttura per gli ospiti durante tutto l'anno. Quindi, nelle giornate estive, le ampie finestre possono essere aperte, creando uno spazio che coinvolge davvero gli spettatori con il gioco ".
Il nuovo ristorante occupa inoltre uno spazio significativamente più ampio di quello vecchio, così come fanno la stanza della sicurezza e di controllo delle partite nell'edificio. E, come indica il famoso giardino del Lord’s, gli architetti hanno prestato molta attenzione al design della facciata posteriore, che incorpora pareti verdi.
“Naturalmente, un altro focus nella progettazione sono state le linee visive dello stand”, ha sottolineato Johnson. Oltre a non avere supporti verticali per la sporgenza del tetto, i sedili sono stati posti nella stessa angolazione degli stand vicini per garantire una visuale senza restrizioni.
Nel frattempo, la scelta del legname per le travi, ha aggiunto, "si è fatta da sola". "Aiuta a imprimere visivamente l'identità unica dello stand rispetto ai suoi vicini, e il legno con il tessuto sembra avere un’armonia naturale", ha dichiarato Johnson. "Volevamo anche che fosse e sembrasse il più sostenibile possibile, e cosa poteva essere più sostenibile del legno che arriva da foreste ben gestite?"
Il legno e particolarmente quello di latifoglia, sembrava anch’esso ideale per uno sport come il cricket con le mazze in salice e le traverse in frassino. Infatti, entrambe le specie sono state considerate, ma alla fine ha prevalso il rovere bianco per i pavimenti e la falegnameria, con gli architetti e i clienti che preferivano materiali coordinati.
Il rovere bianco americano è venuto alla ribalta parlando con Arup, che ha già lavorato con il legno di latifoglia americana negli ultimi anni, e ha collaborato con AHEC a vari progetti vetrina per l’uso strutturale del legno per il London Design Festival come: Timber Wave, l’installazione in lamellare di quercia rossa americana, Endless Stair, l’imponente struttura in tulipier (CLT) e nel 2016, The Smile, dove ha utilizzato i primi pannelli di tulipier CLT in scala industriale.
"I criteri che hanno portato alla selezione del rovere bianco sono stati soprattutto ingegneristici e architettonici", ha dichiarato Giancarlo Torpiano di Arup. " E’ stato considerato anche il rovere europeo, ma il rovere bianco americano ha una reputazione di migliore classificazione e di finitura pulita per mobili di alta qualità. È anche relativamente denso, quindi ha proprietà di buona robustezza e rigidezza che ci hanno permesso di ridurre le dimensioni delle travi, cosa architettonicamente importante. Poiché inoltre queste travi si dilungano da un ambiente esterno e non controllato, con una escursione termica elevata a un ambiente interno con una temperatura più calda e controllata, le proprietà termiche di questo legname sono state un grande vantaggio".
Il punto interrogativo sul rovere bianco americano era che non era mai stato messo alla prova in un impiego impegnativo e altamente tecnico come quello del Lord’s, in particolare erano poche le ricerche fatte sulla robustezza della latifoglia nell’incastro a coda di rondine. Ciò ha significato tempo per i test dei produttori di travi Hess Timber.
"Abbiamo un'ampia esperienza nell'utilizzo di legni temperati e tropicali per travi lamellari e componenti di giunzione a incastro, inclusi gli elementi strutturali", ha dichiarato Markus Golinski, responsabile vendite di Hess. "Principalmente faggio, ma anche quercia, iroko, meranti, teak e cedro rosso occidentale. Produciamo anche un legno lamellare ibrido, che combina lamelle di abete con una superficie esterna di legno di latifoglia, tra cui la quercia bianca per un progetto al King's College di Cambridge ".
"Ma in precedenza abbiamo prodotto solo travi lamellari in quercia bianca per piccoli progetti relativamente poco tecnici, perciò abbiamo dovuto cominciare da zero: dalle giunture a spina alla laminazione delle lamelle".
Mentre la densità e la rigidità del legno potrebbero aver aiutato Arup a raggiungere la flessione minima delle travi richiesta, ha anche rappresentato una sfida, ha detto Golinski.
"Il problema era che le solite colle non avrebbero tenuto sufficientemente a causa della densità del legno, infatti abbiamo avuto inizialmente qualche delaminazione. Ma alla fine abbiamo trovato un moderno adesivo alla melammina che funziona. Quindi, il successo è stato determinato dagli ultimi sviluppi nel mondo delle colle - dieci anni fa queste travi non sarebbero state possibili”.
Hess ha presentato i prototipi delle travi per la valutazione al MPA Material Testing Institute dell'Università di Stoccarda, organismo europeo riconosciuto per la certificazione dei materiali da costruzione, noto per il suo lavoro con il legno ingegnerizzato. I 'padrini del legno lamellare', come li descrive Golinski.
Il produttore, il centro di test e Arup hanno discusso se testare la distruzione, e hanno deciso che era essenziale perché il legno lamellare ha svolto un ruolo così critico e non ha avuto lo European Product Approval (EPA). Tuttavia, ha superato le prove e Hess ha proceduto a produrre le travi su vasta scala, con l'inclusione di una leggera pre-curvatura.
"Un altro vantaggio della rigidità e dell'uniformità del rovere bianco americano è che potremmo prevedere i livelli di deflessione e curvatura molto precisamente", ha detto Golinski.
Con un peso fino a quattro tonnellate a testa e una dimensione di 350 mm x 900 mm nel punto più profondo, le travi hanno percorso le 600 miglia dallo stabilimento di Hess a Kleinheubach nel nord di Londra, in due camion e sono stati posizionati da BAM, con delle gru sul prato del Lord’s.
Le travi si collegano alla parete in cemento sul retro del ristorante attraverso le piastre in acciaio incassate, e la trave a sbalzo oltre le colonne d'acciaio che incornicia le finestre, dove sono fissati con delle barre incollate. Sopra, il tetto si allunga su semicerchi d'acciaio, che gli conferiscono l’effetto a conchiglia. Questi si fissano alle sottili sezioni binarie, anche alle derive più sottili in basso, appoggiate su rotaie fissate al legno. Il sistema è stato co-progettato da Arup e Hess, con i collegamenti in acciaio e tessuto di Leicht Engineering.
"Il sistema evita problemi di movimento tra i materiali differenti dovuti all'escursione termica e alla contrazione, con il legno da solo che fornisce la struttura primaria e l'acciaio semplicemente appoggiato su di esso", ha dichiarato Torpiano. "Questo impedisce anche all'acciaio e al tessuto di raccogliere gli effetti residui della deformazione del legno".
Il rovere bianco americano è intrinsecamente resistente, ma come protezione aggiunta, è stata applicata una finitura Remmers per proteggerlo dalla pioggia e dalla luce ultravioletta che penetra il tetto. Tuttavia, non è stato necessario alcun agente antincendio ritardante.
"Il fuoco è a volte una preoccupazione per il cliente quando si costruisce con il legno, ma il legno lamellare è difficile da accendere e brucia lentamente", ha dichiarato Torpiano. "Infatti, è stato dimostrato che l'integrità strutturale del legno nel fuoco è più duratura rispetto all’acciaio".
Ora che è stato completato, tutti i coinvolti ritengono che la costruzione potrebbe ispirare un maggiore uso strutturale del legno di latifoglia lamellare e in particolare del lamellare di rovere bianco americano.
"Ora abbiamo l'esperienza e i risultati dei test, non partiamo più da zero per il prossimo progetto con il rovere bianco americano, e abbiamo anche investito in attrezzature per industrializzare il processo", ha dichiarato Golinski. "Inoltre, si prevede che la produzione di legno di latifoglia nel mondo dovrebbe aumentare a causa del cambiamento climatico e dell’aumento delle piantagioni, abbiamo quindi bisogno di trovare ulerirore usi".
Anche Populous vede questo potenziale. "Sono entusiasta di esplorare ulteriori possibilità", ha detto Johnson. "C'è un limite per le dimensioni dei progetti in lamellare, a causa della profondità delle travi richieste. Ma per il Warner Stand potrebbe non esserlo."
Sottolineando il suo entusiasmo per il progetto, Johnson ha programmato di partecipare alla prima partita giocata prima del completamento della struttura a maggio.
"Non sarò seduto allo Stand perché, ci sono solo membri del MCC (Marylebone Cricket Club)", ha detto. "Ma mi piacerebbe guardare gli spettatori che si godono il nuovo stand. Dopo tutto, dare agli spettatori una grande esperienza del match-day era il nostro obiettivo finale ".

Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054