Riconversione sede centrale Société Privée de Gérance
  1. Home
  2. Architettura
  3. Riconversione sede centrale Société Privée de Gérance

Riconversione sede centrale Société Privée de Gérance

Giovanni Vaccarini

Scritto da Francesco Pagliari -

Il progetto per la riconversione della sede centrale della Société Privée de Gérance (SPG) a Ginevra, vincitore di un concorso privato a più fasi fra 2010 e 2011 - con una verifica sul campo dei prototipi per la facciata elaborati dai concorrenti -, definisce il centro delle riflessioni nella relazione fra qualità degli ambienti di lavoro e conformazione dei prospetti. La riconversione amplia l’edificio con due nuovi livelli e dispone un nuovo involucro, fulcro architettonico dell’edificio rinnovato. Qualità negli ambienti di lavoro significa, fra i molteplici elementi che ne definiscono la piena realizzazione, assicurare un costante ed efficace controllo delle condizioni di luminosità negli interni, fornendo un adeguato livello di protezione dall’irraggiamento solare.   Altrettanto essenziale diviene, in quanto assunto rilevante nella valutazione qualitativa degli spazi interni, l’esigenza di consentire visuali aperte verso l’esterno, in condizioni egualitarie per l’insieme dell’edificio. Il progetto approfondisce tali condizioni, che possono apparire parzialmente contrastanti, ma determinano l’identità architettonica complessiva dell’edificio, come si esprime in un intorno urbano contrassegnato da elementi differenti, edifici, vegetazione, asse viario di grande calibro.
I prospetti dell’edificio si caratterizzano per una stratificazione del sistema di chiusura esterna, con un primo strato interno a triplo vetro, cui si aggiunge un ulteriore vetro semplice con camera aerata che contiene nell’intercapedine il sistema di veneziane microforate regolabili per il controllo della luminosità. All’esterno, si susseguono lame in vetro stratificato perpendicolari alla facciata, montate su staffe in alluminio dotate di corpi illuminanti per ottenere effetti luminescenti nella visione notturna, che trasforma l’edificio in cortine luminose: le lame con elementi grafici serigrafati si comportano come frangisole raggruppati in sequenze ad interassi variabili, che si regolano nella funzione di filtri della luce per gli spazi interni. 
Il progetto riflette sulla “consistenza” del sistema di facciata, introducendo variazioni molteplici. Il volume dell’edificio si stempera, si diluisce in un’immagine “sfocata”, per la vibrazione luminosa che interagisce con le lame di vetro serigrafato: il perimetro di facciate dell’edificio viene quasi ad essere privato di una propria densità materica, assecondando una conformazione “flou”. Nello stesso tempo la variabile luminosità agisce sugli spazi interni, dilatandosi sulla pavimentazione in pietra, sugli ambienti per riunioni ed uffici, che corrono lungo il perimetro della pianta dei vari piani  e godono di visuali verso l’esterno attraverso la trasparenza delle facciate, mediata ed articolata, ma non negata. 
Nel progetto si condensa un’idea di sperimentazione, che opera attraverso assi concettuali: incrementare il senso del tempo nelle variazioni che costruiscono trasformazioni nella percezione dell’edificio; individuare una scorrevolezza dinamica e percettiva dei prospetti; ragionare su un’architettura che è corporeità e nello stesso tempo si può estendere in una fluidità suggestiva, individuando “confini” diafani e mutevoli.
Francesco Pagliari          

 

Luogo: Ginevra, Svizzera
Committente: SPG - Asset Development
Anno di Realizzazione: 2016
Architetti: Giovanni Vaccarini architects - SINCRETICA architecture
Direzione dei Lavori: Thierry Barbier-Muller

Consulenti
Facciata: BCS

Fornitori
Sistema di facciata: Stahlbau Pichler
Luci: ERCO

Fotografie: © Adrien Buchet, Federal Studio

Video: Short-film “Deep into the Surface”, prodotto da: The Piranesi Experience, diretto da: Claudio Esposito, fotografia: Fabio Paolucci, musiche originali: Populous, Italia, 2016

 

 

Giovanni Vaccarini Archictects_Sincretica
Giovanni Vaccarini (1966) si laurea nel 1993 con lode  in Architettura presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Pescara.
Nel 1994 è vincitore del perfezionamento post laurea in architettura del paesaggio presso la Waterloo University, Environmental Studies, School of Architecture Ontario – Canada. È Dottore di Ricerca in composizione architettonica. Dal 1995 al 2001 svolge attività didattica e di ricerca presso la Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi  "G. D'Annunzio" di Pescara. Attualmente è Visiting Professor presso facoltà di architettura ed ingegneria italiane.

Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN
Tag
#Adrien Buchet  #Ginevra  #Svizzera  #Acciaio  #Acciaio  #Uffici  #Europa  #Giovanni Vaccarini  #Architettura Italiana 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054