Residenza Privata - Marco Castelletti Studio di Architettura
  1. Home
  2. Architettura
  3. Residenza Privata

Residenza Privata

Marco Castelletti Studio di Architettura

Scritto da Francesco Pagliari - 30 aprile 2014

Il progetto per l’ampliamento di una villa unifamiliare, degli anni Ottanta, esprime una ricerca di mezzi espressivi e concreti che riqualificano, in realtà, l’intero edificio, sotto il profilo estetico e nell’obiettivo di migliorarne le prestazioni energetiche.
La villa è situata in una zona collinare paesaggisticamente rilevante, con un orizzonte visuale verso l’arco alpino; il terreno su cui insiste la residenza mostra un andamento a pendii marcati, dislivelli e scarpate erbose che, insieme alla vegetazione d’alto fusto, connotano l’aspetto naturale circostante.
L’ampliamento è un’occasione per ripensare l’architettura, per tratti omogenei. L’addizione della piscina, sotto la quale si predispone il garage a sei posti, si innesta con un volume stretto e lungo, a parallelepipedo, su uno spiazzo parallelo al pendio a scarpata, che costituisce il riferimento immediato del nuovo volume. La relazione con la preesistenza si accorda per ingombro ed altezza, in un rapporto di congruenza. Grandi vetrate si aprono sulle pareti del volume della piscina, alleggerendone la consistenza ed inducendo con l’ampio sviluppo sui lati lunghi della costruzione una visuale trasversale che congloba percettivamente le superfici erbose; la stessa scarpata parallela alla piscina ne diviene una componente, prospettando riflessi e variazioni luminose all’interno. Accanto al corpo edilizio della piscina, si erge la struttura di un locale panoramico a pianta quadrata, posto al livello più alto nel lotto e raggiunto attraverso due rampe coperte con ampie vetrate laterali che si inerpicano sull’erto dislivello del terreno: la stanza è interamente rivestita in legno, con un affaccio vetrato di grande respiro paesaggistico.
Carattere architettonico preminente dell’ampliamento è la definizione del rivestimento, che modella le pareti e la copertura a due falde della piscina ed analogamente si ritrova alle pareti del volume panoramico: le lastre di zinco-titanio Rheinzink, prepatinate e a coloritura scura, definiscono un’omogeneità sostanziale nei volumi, un insieme unitario per concezione e rigore, nell’espressione di contemporaneità, attraverso un materiale ad elevate prestazioni, ecologicamente rilevante. La correlazione fra ampliamento e villa esistente si attua anche nel rifacimento delle coperture della villa: nella sostituzione con un nuovo tetto ventilato, il sistema in zinco-titanio si estende a tutta l’articolazione delle falde, introducendo unitarietà. Le pareti dell’edificio esistente si conformano con eleganza a questa impronta: in parte si prolunga il rivestimento a doghe verticali in zinco-titanio, e i settori ad intonaco ne seguono la coloritura opaca.

Francesco Pagliari


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054