6 progetti creativi promuovere legno latifoglie americane
  1. Home
  2. Architettura
  3. 6 importanti progetti creativi per promuovere il legno di latifoglie americane

6 importanti progetti creativi per promuovere il legno di latifoglie americane

6 progetti creativi promuovere legno latifoglie americane
Scritto da Redazione The Plan -

Il legno di latifoglie americane è un materiale altamente sostenibile in quanto proviene da foreste che crescono a ritmi di gran lunga superiori a quelli di abbattimento e che sono alla base di crescenti aree di produzione di legname perfettamente integrate nel vivace ecosistema circostante e contribuiscono agli equilibri di una flora e di una fauna eccezionalmente ricche e diversificate.

Questo legno, inoltre, offre un’immensa varietà di colori, venature e caratteristiche, dai toni caldi e più scuri della quercia rossa, del ciliegio e dell’ontano, ai toni più chiari dell’acero, del tulipier e del frassino, prestandosi per un’ampia gamma di lavorazioni, dal mobilio di pregio ai pannelli strutturali su scala industriale.

L'American Hardwood Export Council (AHEC) è la principale associazione commerciale internazionale per l'industria del legno di latifoglia degli Stati Uniti, e gestisce un programma mondiale per promuovere l'intera gamma di legni duri americani in oltre 50 mercati di esportazione. Nello specifico, AHEC Europe è rinomata per le sue ambiziose collaborazioni con architetti e designer internazionali per esplorare il potenziale dei legni di latifoglia americana e ispirare un maggiore uso di questi materiali sostenibili.

Di seguito vi presentiamo 6 video originali, commissionati da AHEC Europe, che promuovono 6 importanti progetti creativi realizzati negli ultimi anni. Ogni video ha l’obiettivo di presentare non solo il risultato finale di ogni progetto ma soprattutto di mostrare il retroscena del processo creativo tramite filmati della produzione di queste entusiasmanti iniziative e interviste agli architetti, designer e costruttori coinvolti.

 

Designposts

Il progetto Designposts è una delle novità più importanti del London Design Festival 2021 che ha introdotto una serie di sculture in legno per le strade di Londra, catturando in ognuna lo spirito di uno dei 10 distretti dedicati al design del festival.

Realizzata in collaborazione con LDF e tre importanti produttori di mobili britannici Benchmark Furniture (West Berkshire), Sebastian Cox (South East London) e Jan Hendzel Studio (South East London), ha reso omaggio alla storia diversificata e alla cultura creativa dei quartieri di Londra e ha offerto a designer emergenti una piattaforma per mostrare il loro talento.  Questa stimolante mostra gratuita di arte e design en plein air è stata anche l’occasione per presentare ai frequentatori del festival il potenziale di un materiale sottoutilizzato e altamente sostenibile come la quercia rossa americana.

 

 

Discovered

Discovered è un progetto globale in cui i designer sono stati invitati a pensare liberamente alla loro esperienza di isolamento durante il lockdown e a creare un pezzo che rappresentasse le connessioni funzionali ed emotive ai nostri oggetti quotidiani con una selezione di tre legni duri tanto sostenibili quanto sottoutilizzati. Il progetto offre una serie di riflessioni personali sull'esperienza della pandemia, fornendo una piattaforma per i creativi emergenti dopo un anno in cui i soliti canali di visibilità erano per lo più inaccessibili. La mostra, realizzata al London Design Museum e ora disponibile online, è stata quindi una grande opportunità per i giovani designer per presentare il proprio lavoro al pubblico e all'industria.

 

 

Connected

Nove designer internazionali, Ini Archibong, Maria Bruun, Jaime Hayon, Heatherwick Studio, Sebastian Herkner, Maria Jeglinska-Adamczewska, Sabine Marcelis, Studiopepe, Studio Swine, sono stati coinvolti da AHEC con la sfida di progettare e creare ciascuno un tavolo e una seduta, che rappresenti come, secondo loro, la pandemia abbia cambiato il modo di lavorare a distanza ma in connessione remota. Ogni progettista ha scelto tra tre legni duri americani - ciliegio, acero e quercia rossa - e si è relazionato a distanza, dai loro uffici domestici improvvisati, con le altre figure professionali come gli artigiani e i costruttori, affidandosi alle video-call per sviluppare il proprio progetto creativo.

 

 

Legacy

Legacy è stato concepito come un'esplorazione della crescente conversazione sulla sostenibilità e sulla nostra attuale cultura consumista dell'usa e getta. Creato da AHEC in collaborazione con Benchmark Furniture e il London Design Festival, il progetto ha presentato 10 oggetti unici che, grazie alla fusione di design intelligente, materiali naturali e artigianato eccezionale, possono durare per le generazioni a venire.

 

 

MultiPly

MultiPly è una collaborazione tra AHEC, Waugh Thistleton Architects e Arup, nell'ambito del London Design Festival 2018, che affronta il modo con cui costruiamo le nostre città. Combinando il tulipier americano sostenibile con metodi innovativi di costruzione modulare in legno, MultiPly affronta due delle maggiori sfide dell'era attuale: la pressante necessità di alloggi e l'urgenza di combattere il cambiamento climatico.

 

 

Oak Redefined

Il legno di quercia rossa americana è la specie più comune della foresta di latifoglie americane, si caratterizza per la sua struttura porosa, talvolta con tonalità rosate. Nonostante le sue numerose qualità, la quercia rossa americana è spesso vista erroneamente in Europa come una versione minore della quercia bianca americana e della quercia europea. In questo progetto e nel relativo video, gli artigiani di Benchmark Furniture esplorano e mettono in luce le grandi qualità estetiche e performative di questo legno. Vedere per credere!

 

 

Scopri tutti i video realizzati da AHEC Europe su www.americanhardwood.org

Immagine di copertina by Petr Krejci, courtesy AHEC Europe 

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054