Moschea di Juma
  1. Home
  2. Architettura
  3. Moschea di Juma

Moschea di Juma

Elvin Najafov

Scritto da Redazione The Plan -
Margraf inizia la sua attività come Industria Marmi Vicentini nel 1906 in provincia di Vicenza; sin dalle origini l’azienda si caratterizza per il suo impegno nei settori della ricerca e dell’innovazione tecnologica e per la collaborazione con prestigiosi architetti internazionali. Margraf si occupa di tutte le fasi di produzione del marmo, dall’estrazione alla lavorazione, alla trasformazione in un’ampia gamma di prodotti per l’edilizia e l’architettura. Tra le più recenti collaborazioni dell’azienda, la fornitura di marmi pregiati per il restauro della Moschea di Juma in Azerbaijan, progetto realizzato da Elvin Najafov in stretta collaborazione con l’ufficio tecnico Margraf. La Moschea di Juma, detta anche “Moschea del Venerdì”, risale alla metà dell’VIII secolo d.C. ed è ubicata a Shamakhi, città situata lungo la Via della Seta a 106 Km dalla capitale Baku. Ha subito varie ricostruzioni negli anni a causa delle numerose distruzioni legate soprattutto a ragioni belliche o a terremoti. L’ultima di queste risale al 1918 ed è stata causata da un devastante incendio doloso. L’architettura dell’edificio richiama quella della Moschea di Derbent, la principale dell’Azerbaijan. La planimetria rettangolare è suddivisa internamente in tre sezioni quadrate che comunicano tra loro attraverso ampie aperture. Il disegno dei nuovi pavimenti realizzati con i marmi forniti da Margraf ripropone i simboli geometrici della tradizione musulmana; in particolare, in corrispondenza della cupola centrale, la decorazione rappresenta un grande fiore stilizzato a dodici petali, realizzato in marmo Azul Bahia; lo stesso motivo è riproposto in altra scala, come una greca, a decorazione dei bordi perimetrali della pavimentazione all’interno dei saloni attigui. In uno dei luoghi più sacri del paese, il grande rosone realizzato sotto alla cupola riveste un ruolo da protagonista: il decoro geometrico che si sviluppa su un pavimento in Bianco Laser è racchiuso da una corona floreale, composta da materiali molto pregiati quali Azul Macaubas, Rosso Francia, Giallo Siena, Giallo d’Oriente, Rosa Portogallo, Monaco Light, Onice Verde e Bianco Sivec. Una realizzazione che conferma l’impegno di Margraf nell’affiancare gli architetti, collaborando ai loro progetti a ogni livello, in Italia e all’estero, con la fornitura di materiali preziosi destinati a lasciare un’impronta duratura nel tempo.

Margraf
Industria Marmi Vicentini
Via Marmi, 3
I - 36072 Chiampo (VI)
Tel. +39 0444 475900
Fax +39 0444 475947
E-mail: info@margraf.it
www.margraf.it
Visualizza il pdf dell'articolo
Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN
Tag
#Marmi e Pietre  #Margraf  #2014  #Elvin Najafov  #Report  #The Plan 074 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054