Masseria Cannamara, l’anima siciliana di un tempo
  1. Home
  2. Architettura
  3. La Masseria Cannamara rivive l’anima siciliana di un tempo

La Masseria Cannamara rivive l’anima siciliana di un tempo

Un restauro che ha riportato la residenza all’antica personalità anche grazie a Secco Sistemi

Paolo Bignotti

Masseria Cannamara, l’anima siciliana di un tempo
Scritto da Redazione The Plan -

È passato più di un secolo e mezzo dalla nascita della Masseria Cannamara, ma la sua anima è ancora quella di un tempo. Tutto questo è stato reso possibile da un importante lavoro di ricucitura con le sue origini da poco terminato, un intervento di restauro curato dall’architetto Paolo Bignotti che si è mosso nella direzione di una ricostruzione dell’identità del luogo, in parte sfilacciata per 15 anni. Una precedente ristrutturazione, infatti, aveva oscurato la personalità della residenza nella campagna siciliana nei dintorni di Scicli, apportandovi modifiche considerate oggi fin troppo massicce e invasive. Così si è voluta recuperare quell’antica verità di totale immersione nella tradizione e nella natura a partire dai materiali, dal loro impiego e dalla restituzione di una miglior funzionalità degli ambienti. Può essere dunque definito un nuovo equilibrio tra antichi elementi riportati alla luce e innovative soluzioni per interni confortevoli, vivibili e in stretto contatto con il paesaggio circostante, senza dimenticare la necessità di garantire alla struttura un’efficienza energetica complessiva.

 

Materiali e struttura

La sintonia con il territorio è dunque enfatizzata dalla Pietra di Comiso, dal legno e dal ferro già protagonisti del progetto originario e ora ripresi, ma anche dall’impianto planimetrico. Il volume principale e caratterizzante, ovvero la casa padronale, ha la forma di una L, individuando così una sorta di corte centrale a sua volta dominata da una cucina all’aperto e da una piscina che ne traccia la linea di perimetro terminale. Ed è qui, in connessione tra le due ali della residenza e a filo delle facciate esterne, che si colloca uno degli interventi più significativi del restauro, un corridoio completamente trasparente, vetrato e con struttura in acciaio che mette ancor più in relazione l’interno con l’esterno.

Nella zona retrostante, dalla parte opposta rispetto alla corte dunque, vi sono poi altri due volumi separati, con all’interno una zona ospiti (stanza e bagno) e una palestra.

 

Il corridoio vetrato by Secco Sistemi 

Il corridoio esterno può essere considerato parte integrante di un preciso concept di relazione tra design interno e campagna siciliana attraverso il filtro delle aperture. Questo è a maggior ragione evidente nelle brecce aperte nelle pareti murarie compatte. A tal proposito l'architetto ha collaborato con Secco Sistemi, nell’intento principale di sostituire i serramenti di porte e finestre. Per questi si è infatti utilizzato OS275 con finitura in acciaio Corten, riproponendo per porte e finestre il mood originario del ferro. Tale soluzione OS275 è una ferrofinestra a taglio termico in metalli pregiati, con profili minimali da 27 mm. Il sistema dispone di tutte le tipologie di apertura, anta ribalta, libro, bilico, alzante scorrevole, antieffrazione, con la possibilità di avere sempre la stessa sezione a vista. Inoltre è caratterizzato da un disegno pulito, la cui resa estetica assoluta è determinata anche dall’impiego di materiali preziosi, dall’acciaio zincato all’acciaio inox, dal Corten all’ottone fino alla capacità di assumere i tratti cromatici del bronzo antico. Questa ferrofinestra fa parte della serie OS2, le cui linee trasparenti e pure sono riprese anche nella grande finestra a bilico con cui termina il corridoio.

Le grandi aperture scorrevoli che segnano lo sviluppo del camminamento coperto sono state ottenute utilizzando invece il sistema Zero Gravity, ØG® [zerø gravità], una tecnologia evoluta che elimina il vincolo della motorizzazione per movimentare scorrevoli di grandi dimensioni e conseguentemente molto pesanti. Utilizzando questa tecnologia, il serramento viene di fatto liberato dal suo peso e, rallentato solo dall’inerzia della massa, scorre senza fatica, amplificando il comfort per l’uomo e agevolando il gesto di apertura o chiusura. Si tratta dunque di un alzante scorrevole che adotta il principio della levitazione magnetica passiva per la movimentazione delle ante. L’infisso, sollevato da potenti magneti Ironlev®, scorre fluttuando sopra un piccolo binario, senza rumore, senza attriti e senza bisogno di energia elettrica.

>> Scopri di più sulle caratteristiche del sistema ØG®:  INFISSO SCORREVOLE ØG - LEVITAZIONE MAGNETICA ZERO GRAVITY 

Tutto questo rappresenta dunque una nuova vita per la Masseria Cannamara, un luogo ritrovato dove poter muoversi tra una tradizione secolare e una tecnologia rispettosa e conservativa.

Per maggiori informazioni: www.seccosistemi.com

Credits

Location: Scicli, Ragusa
Architects: Paolo Bignotti
Products: Zero Gravity - OS275 bilico in acciaio Corten
Photography by Luca Ippolito, courtesy of Secco Sistemi

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054