Maraya Concert Hall
  1. Home
  2. Architettura
  3. Maraya Concert Hall

Maraya Concert Hall

Amplificare il paesaggio per poi scomparire

Giò Forma Designers Artists Architects

Maraya Concert Hall
Scritto da Redazione The Plan -

Un palcoscenico per quel maestoso paesaggio archeologico, a pinnacoli e a montagne di arenaria forgiate dal vento che è il deserto di Al-‘Ula; un gigante dell’architettura tanto imponente quanto evanescente. Nel cuore della Petra d’Arabia, famosa per ospitare il primo sito archeologico Patrimonio mondiale dell’Unesco del Paese, una struttura trasparente, a specchio, ha dato forma a un’incursione dell’uomo necessariamente delicata: un cubo riflettente che, avvicinandosi e osservandolo con lo sguardo puntato verso uno degli angoli superiori, diventa quasi una piramide. È il Maraya Concert Hall, un polo culturale con sala concerti da 500 posti a sedere che, già dal nome, fa trapelare tante delle sue peculiarità: maraya, in lingua araba, significa proprio specchio.

Maraya Concert Hall © Giò Forma Studio Associato, courtesy Guardian Glass

Firmato dallo studio Giò Forma Designers Artists Architects, l’edificio è rivestito da una superficie specchiata di 9.750 m2, un’ampiezza tale da averlo portato nel 2020 a entrare nel Guinness Book of Word Records: è proprio questa soluzione riflettente a conferire all’intera struttura il ruolo di palcoscenico per la natura, per un imponente paesaggio vero protagonista dell’opera. La sua forma netta che tende a scomparire, le sue linee semplici sono dunque quasi un inganno per la vista e per la mente, per poi ricomparire con un aspetto cangiante a una diversa ora del giorno.

Una semplicità che nasconde un elevato grado di tecnologia e di sofisticazione, indispensabile per resistere e per adeguarsi alle estreme condizioni climatiche del deserto: in questo, un ruolo fondamentale è rivestito da Guardian Glass, che ha fornito soluzioni ad hoc per le superfici vetrate esterne. Fin dal principio e come richiesto dal committente, l’obiettivo principale è stato quello di dare corpo a un vero e proprio specchio, non a un volume dal semplice rivestimento riflettente, così da rendere impercettibile l’intrusione della mano umana nella bellezza del luogo. Si è così studiata un’alternativa personalizzata a partire dalla consapevolezza di un territorio altamente esposto ai raggi ultravioletti e alla luce solare, responsabili di erosione, ossidazione, distorsione e attenuazione del colore: si tratta di un nuovo vetro a specchio, basato sulla tecnologia del Guardian UltraMirror™, altamente resistente e principalmente adatto agli interni, ma con uno speciale rivestimento protettivo in rame.

Maraya Concert Hall © Giò Forma Studio Associato, courtesy Guardian Glass

Al cospetto di alcuni degli elementi più difficili del pianeta, la resistenza alla corrosione si è dimostrata fin da subito esigenza prioritaria, alla quale si è risposto con tale materiale. Le difficili condizioni climatiche hanno anche portato a una riorganizzazione completa della logistica e delle fasi di produzione e taglio delle lastre, la quale è al contempo riuscita a rispondere ai limitati tempi di realizzazione dell’opera: in sole dieci settimane il Maraya Concert Hall è riuscito ad aprire le proprie porte e a far alzare il sipario sui primi concerti.

Visualizza il pdf dell'articolo

Guardian Glass

19 rue du Puits Romain – L – 8070 Bertrange
Tel. +352 281111
E-mail: [email protected]www.guardianglass.com

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054