Zaha Hadid Architects: Heydar Aliyev Center
  1. Home
  2. Architettura
  3. Heydar Aliyev Center

Heydar Aliyev Center

Zaha Hadid Architects

Zaha Hadid Architects: Heydar Aliyev Center
Scritto da Zaha Hadid Architects -

Quando l’Azerbaigian era parte della ex Unione Sovietica l'urbanistica e l'architettura di Baku, la capitale situata sulla costa occidentale del Mar Caspio, sono state fortemente influenzate dalla programmazione edilizia di quel periodo. Dal 1991, anno della sua indipendenza, l'Azerbaigian ha investito molto nella modernizzazione e nello sviluppo delle infrastrutture e dell'architettura di Baku, allontanandosi dall’eredità del Modernismo Sovietico.
Lo studio Zaha Hadid Architects ha vinto il concorso per la progettazione architettonica del Centro Heydar Aliyev , svoltosi nel 2007. Il Centro, progettato per diventare l'edificio di riferimento dei programmi culturali della nazione, si allontana dall'architettura sovietica rigida e spesso monumentale che è così prevalente a Baku, ed aspira invece ad esprimere la sensibilità della cultura azera e l'ottimismo di una nazione che guarda al futuro.
Il progetto del Centro Heydar Aliyev stabilisce un rapporto fluido e continuo tra la piazza circostante e l'interno dell'edificio. La piazza, che costituisce la superficie del pianterreno, è accessibile a tutti come parte del tessuto urbano di Baku e racchiude uno spazio interno altrettanto pubblico che si articola in una sequenza di spazi per eventi dedicati alla celebrazione collettiva della cultura azera contemporanea e tradizionale.
Forme elaborate, tra cui ondulazioni, biforcazioni, pieghe, inflessioni, modificano la superficie di questa piazza trasformandola in un paesaggio architettonico che svolge una serie di funzioni di accoglienza e indirizzo dei visitatori ai diversi livelli interni dell’edificio. In questo modo l'edificio cancella la differenziazione convenzionale tra oggetto architettonico e paesaggio urbano, involucro edilizio e piazza cittadina, figura e sfondo, interno ed esterno.
Il Centro Heydar Aliyev  è un simbolo nazionale per l'Azerbaigian, un catalizzatore per la rigenerazione e, in senso lato, un fiore all'occhiello per la regione. La realizzazione dell’audace progetto di Zaha Hadid Architects ha richiesto la collaborazione di esperti provenienti dalla Turchia, dagli Emirati Arabi Uniti e da altri paesi più lontani. Questo spiega il fattore del “sentirsi bene” e la mentalità del “si può fare”, che ne hanno reso possibile la realizzazione. È stato un lavoro affrontato con amore e che ha chiaramente ripagato, dato che  il Centro Heydar Aliyev è stato nominato Progetto dell'anno 2014 dal Design Museum di Londra - la prima volta per un progetto architettonico.
È nella progettazione dell’auditorium che l’approccio dello studio Zaha Hadid  Architects può essere visto nella sua veste più formale, e la vorticosa geometria delle strutture in quercia bianca americana è stata una delle principali sfide che il team di progetto dello studio ha dovuto affrontare. Da İkoor, l’impresa appaltatrice specialista con sede ad Ankara, responsabile della costruzione dell'auditorium, gli architetti si aspettavano una realizzazione alla lettera del loro progetto, fornendo poco spazio per la sua razionalizzazione. Le forme della sala, che sembrano trasformarsi in sequenza algoritmica da una baia all'altra, non potevano essere ricondotte a moduli ripetitivi.
All'inizio, alla İkoor non erano sicuri di come procedere, e hanno valutato le alternative di una scocca in legno massello, dello spessore di 45 mm, per prestazioni acustiche ottimali, e di uno scheletro rivestito in legno. Hanno anche preso in considerazione il polistirolo espanso sagomato con macchine a controllo numerico, rinforzato con fibra di vetro e impiallacciato in legno. Preoccupati per la precisione del risultato, non garantita dalla possibile espansione e contrazione delle venature del legno, alla İkoor hanno respinto queste opzioni a favore di una quarta che hanno chiamato "falegnameria artigianale ingegnerizzata", che consisteva nel lavorare con il software Rhino per costruire con precisione uno scheletro da elementi MDF orizzontali e verticali.
Questi elementi sono stati realizzati con macchine a controllo numerico, in modo da poter essere assemblati per ottenere una forma che è un risultato preciso della superficie finita del modello di Zaha Hadid Architects. Successivamente questa superficie è stata coperta con quattro strati di elementi in quercia bianca americana dimensionati con precisione nella sezione di 10 mm x 10 mm, successivamente incollati, inchiodati, lavorati e regolati fino a corrispondere precisamente alla geometria modellata dagli architetti, infine controllati con modelli generati in modo digitale. Questa era la fase artigianale dell'operazione. Ogni baia dell’auditorium comprende tre sezioni, una per il soffitto e due per le sue pareti laterali, assemblate utilizzando da 8 a 15 sottocomponenti.
Tale era l’ampiezza del progetto che nell’auditorium sono stati utilizzati 230 metri cubi di quercia bianca americana. Melih Gün, co-fondatore e proprietario di İkoor, dice che la quercia bianca americana è stata scelta soprattutto perchè "avrebbe reso bene in un ambiente in cui i livelli di temperatura e di umidità sarebbero stati variabili, è omogenea nella struttura, è di colore giusto rispetto al risultato finale desiderato, ha buone proprietà di lavorazione e, cosa più importante per questo progetto, ha una buona prestazione acustica".
Ikoor non era solo il contraente di questo progetto, ma è stato anche responsabile dell'acustica e delle attività di coordinamento relative all'auditorium. L'azienda ha lavorato insieme al Dr. Mehmet Çalışkan di Mezzo Stüdyo Acoustic Consulting, anche lui di Ankara.
Per ragioni acustiche, le superfici interne sono state costruite come un guscio all’interno di una scatola. Una volta che questa scatola è stata costruita, la calotta interna è stata attaccata ad un telaio interno in acciaio con una connessione flessibile gomma-acciaio  alle facce interne della struttura stessa. Un guscio intermediario di isolante acustico e cavi di sospensione in filo d'acciaio multistrato migliorano ulteriormente l’isolamento acustico. Anche se questo non è stato un intervento di routine per il team di progetto, la sua più grande sfida è stata l'acustica del tetto dell'auditorium. Questa sfida era in parte insita nel brief del progetto, che richiedeva che l’auditorium potesse essere usato sia come spazio per conferenze, che ha bisogno di un basso riverbero affinchè la voce possa essere sentita chiaramente, sia come auditorium per la musica, che trae vantaggio da una riflessione maggiore e da un'acustica più ricca.
La proposta di utilizzare l'auditorium per l'opera e il balletto così come i concerti era un'ulteriore complicazione, perché ognuno di essi richiede una diversa configurazione della copertura di orchestra e buca. La geometria prescrittiva di Zaha Hadid Architects, la scelta di finiture superficiali riflettenti e il desiderio di non mettere in opera miglioramenti acustici che avrebbero trasformato l'aspetto della sala in base al suo utilizzo, hanno complicato ulteriormente la questione. Non si è trattato solo di un esercizio di ricerca di forma acustica.
Mezzo Stüdyo, non estraneo alle visioni degli architetti sugli auditorium o alle richieste contraddittorie dei clienti, non si è scoraggiato e, come gli altri membri del team di progetto, ha accettato le richieste dettagliate di Zaha Hadid Architects come un dato di fatto. Mezzo Stüdyo sapeva anche di poter contare su un deus ex machina: l’acustica di volumi di spazio accoppiati. Si tratta di due o più spazi collegati da una superficie comune acusticamente trasparente, nota come apertura di collegamento. Il concetto si basa sui requisiti di tempo diversi per il decadimento del suono nei diversi spazi. Ciò comporta che l’eccesso di energia in uno spazio durante il processo di decadimento venga trasferito all'altro spazio. Questo può produrre un decadimento del suono adatto alle qualità acustiche desiderate all'interno di uno spazio.
Nel caso del Heydar Aliyev Center, un ribassamento inutilizzato del soffitto adiacente all'apertura del proscenio dava l'opportunità di costruire uno spazio chiuso con superfici riflettenti che agisse come volume di accoppiamento. La sua configurazione è stata ottimizzata attraverso simulazioni acustiche utilizzando il software ODEON . La risultante configurazione di aperture multiple permette una migliore diffusione e flusso dell’energia in eccesso.
"Come per tutto il nostro lavoro, il progetto del Heydar Aliyev Center è derivato dalle nostre indagini, dalla ricerca della topografia del sito e dal ruolo del Centro nel suo più ampio contesto culturale . Con l'ausilio di queste relazioni articolate, il progetto è incorporato in questo contesto  ed è aperto alle future possibilità culturali della nazione ", concludono i progettisti di  Zaha Hadid Architects .


American white oak (Quercus spp.)
L’American white oak (quercia bianca) presenta un alburno color crema e un durame che varia dal marrone chiaro al marrone scuro. La fibra è per lo più diritta e più o meno marcata, con raggi midollari più lunghi rispetto alla quercia rossa, che le dona un aspetto marcato e gradevole.
La quercia bianca americana è ampiamente diffusa ed è molto in voga all’estero, dove viene esportata per essere utilizzata nei settori dell’arredamento, della pavimentazione e delle rifiniture, grazie alla sua omogeneità cromatica, all’elevato volume di produzione di legno dai bordi quadrati e alla disponibilità dell’impiallacciato. Si tratta di un legno duro e pesante, con resistenza media alla curvatura e alla compressione. Pur avendo scarsa rigidità, si presta molto bene alla curvatura al vapore.

Location: Baku, Azerbaijan
Client: The Republic of Azerbaijan
Completion: 2013
Gross Floor Area: 101.801 m2
Architects: Zaha Hadid Architects
Design: Zaha Hadid, Patrik Schumacher
Project Designer and Architect: Saffet Kaya Bekiroglu
Project Team: Sara Sheikh Akbari, Shiqi Li, Phil Soo Kim, Marc Boles, Yelda Gin, Liat Muller, Deniz Manisali, Lillie Liu, Jose Lemos, Simone Fuchs, Jose Ramon Tramoyeres, Yu Du, Tahmina Parvin, Erhan Patat, Fadi Mansour, Jaime Bartolome, Josef Glas, Michael Grau, Deepti Zachariah, Ceyhun Baskin, Daniel Widrig, Murat Mutlu
Main Contractor and Architect of Record: DiA Holding

Consultants
Structural: Tuncel Engineering
Mechanical: GMD Project
Electrical: HB Engineering
Façade: Werner Sobek
Fire: Etik Fire Consultancy
Acoustic: Mezzo Stüdyo
Geotechnical: Enar Engineering
Infrastructure: Sigal
Lighting: MBLD

Suppliers
External Cladding Panels / GRC & GRP: Arabian Profile
Internal Skin Cladding: Lindner
Auditorium Wooden Cladding: Sanset Ikoor
Auditorium Seats: Quinette
Special Acoustic Ceilings: Baswa
Multipurpose Hall Façade Door: Solarlux
Polyurethane Floor Finish: Bolidt
Marble Cladding Works: MM Mühendisler Mermer
Landscape LED Installation: HRN Dizayn
Fire Doors and Concrete-Cladded Doors: Remak Makina
Gypsum Panel Works: Tema
Structural Steel: MIM Mühendislik

Lighting Fixtures: Zumtobel

Photography: © Helene Binet, Hufton + Crow, Ikoor

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Hufton + Crow  #Hélène Binet  #Baku  #Azerbaigian  #Legno  #Auditorium  #Teatro  #Asia  #Zaha Hadid Architects  #Architettura in legno 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054