Expo 2015: Padiglione USA
  1. Home
  2. Architettura
  3. Expo 2015: Padiglione USA

Expo 2015: Padiglione USA

Biber Architects

Scritto da Biber Architects -

L’American Hardwood Export Council (AHEC) ha contribuito alla realizzazione del Padiglione USA all’Expo con la fornitura di un bellissimo pavimento di 500 metri quadrati realizzato in quercia bianca americana (American white oak). Il pavimento riveste in tutta la sua lunghezza il primo piano del padiglione, dove si trova lo spazio espositivo principale. La quercia bianca è stata scelta dall’architetto newyorkese James Biber, il cui studio ha progettato il padiglione. L’architetto voleva un legno dall’aspetto classico che completasse armonicamente il resto della pavimentazione, che è stato realizzato utilizzando il legno vecchio di 100 anni recuperato dalla originale passeggiata a mare di Coney Island, distrutta dall’uragano Sandy nel 2012.Il Padiglione USA ha un contenuto fortemente legato alla sostenibilità che comprende un grande orto coltivato in verticale, le tecnologie più recenti nel campo dell’efficienza energetica e l’uso di legno riciclato. Ma uno dei messaggi ambientali più forti deriva dall’uso di legno nuovo di quercia bianca americana prodotto in modo sostenibile. L’AHEC, utilizzando i risultati della sua ricerca sulla valutazione ambientale del ciclo di vita (Environmental Life Cycle Assessment, LCA), ha prodotto un profilo ambientale completo “dalla culla alla tomba” della nuova pavimentazione in quercia bianca.I dati dell’impatto ambientale relativo a silvicoltura, segagione, essiccatura e trasporto dei segati di quercia bianca in Italia sono stati combinati con i dati registrati durante il processo di produzione. Sono inclusi nella valutazione anche il trasporto, l’installazione e la prevedibile aspettativa di vita di tutti i materiali diversi dal legno (colle, oli e accessori). Alla fine del suo uso il pavimento potrà essere riciclato oppure bruciato come un combustibile rinnovabile.
La quercia bianca americana è una risorsa non solo rinnovabile, ma in espansione. Questa risorsa è così abbondante e cresce così rapidamente che ci vogliono meno di 25 secondi perché la foresta rimpiazzi la quantità di quercia bianca tagliata per produrre il pavimento installato all’Expo. Sulla base di una valutazione “dalla culla alla tomba” il saldo di emissioni rilasciate nell’atmosfera dal pavimento è minore o uguale a zero.
Le emissioni di anidride carbonica associate alla consegna dei materiali e alla fabbricazione del pavimento saranno più che compensate dall’energia generata dall’eliminazione del legno alla fine della sua vita. Inoltre molta dell’energia usata per la produzione del pavimento è derivata da fonti rinnovabili. Finchè il pavimento rimane in uso, esso immagazzina l’equivalente di 14,5 tonnellate metriche equivalenti di CO2.  
Per David Venables, direttore europeo dell’AHEC, questo progetto fornisce una grande opportunità all’industria statunitense del legno di latifoglie di sostenere il Padiglione USA e di comunicare con i visitatori dell’Expo. “Il pavimento è veramente bello, pieno di carattere e ricco di venature dal disegno vibrante. Gli architetti sono stati molto contenti del risultato finale. All’AHEC ha fornito l’opportunità di calcolare per la prima volta il profilo LCA di un prodotto per la pavimentazione, e i risultati mostrano ancora una volta che le credenziali ambientali del legno di latifoglie americane sono davvero forti e documentate”.
Il pavimento in quercia bianca americana è stato prodotto in Italia da Imola Legno ed è formato da listelli profilati di lunghezza variabile, spessore 20 mm e larghezza 80 mm. Il pavimento è stato posato usando un sistema nascosto di montaggio a clip con 5 mm di distanza fra i listelli. Sono state usate cerniere in acciaio inossidabile e il pavimento può essere facilmente sollevato senza essere danneggiato, sia per la manutenzione ordinaria che per il riuso, estendendo quindi in modo consistente la sua aspettativa di vita. Il pavimento è finito con una mano di olio trasparente anti ossidante.


Wood Species
American white oak (Quercus spp.)

L’American red oak (quercia rossa) è un elegante legno di quercia con marcate tonalità rosa-rossicce. L’aspetto generale del legno è simile alla quercia bianca, ma con un disegno leggermente meno pronunciato per i raggi midollari più corti e una fibra alle estremità più porosa. La fibra è piuttosto diritta e marcata.
La quercia rossa americana è la specie maggiormente presente nelle foreste di latifoglie americane ed è utilizzata per pavimentazioni e un’ampia varietà di impieghi nel settore dell’arredamento e dell’edilizia. Il legno è duro e pesante, con rigidità e resistenza alla curvatura media ed elevata resistenza alla compressione. Ottima per la curvatura al vapore.

Location: Milan
Client: Friends of the USA Pavilion/USA Department of State
Completion: 2015
Gross Floor Area: 3,900 m2 
Architects: Biber Architects
Works Management: Genius Loci Architettura
Contractor: Nussli

Consultants 
Structural: SCE Project
M.E.P.: ESA Engineering
Landscape: Dlandstudio
Architectural Lighting: Tillotson Design Associates

Suppliers 
Lighting:
Viabizzuno, Flos

American Hardwood Flooring: Imola Legno
Porcelain Stoneware Flooring: Marazzi
Outdoor Furniture: Arper

Opening photo  © Saverio Lombardi Vallauri, Courtesy of Biber Architects

Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN
Tag
#Saverio Lombardi Vallauri  #Milano  #Italia  #Legno  #Installazione temporanea  #Europa  #Biber Architects  #Architettura in legno 
Articoli Correlati

Scopri di più


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054