DialogaRe Nuovi stili dell’abitare
  1. Home
  2. Architettura
  3. DialogaRe Nuovi stili dell’abitare

DialogaRe Nuovi stili dell’abitare

un confronto tra matteo cabassi e giampiero peia

DialogaRe Nuovi stili dell’abitare
Scritto da Redazione The Plan -

Proseguono gli appuntamenti di DialogaRE - Nuovi stili dell’abitare: dopo il successo riscontrato nel primo anno, il ciclo di incontri promosso da The Plan e rivolto a investitori e architetti continua a sostenere e favorire il dialogo tra progettazione e imprenditoria. Nel centro di Milano presso lo spazio funzionale MCD, il distretto del design dedicato al Real Estate, ospiti di eccellenza e rappresentanti di spicco del mondo dell’architettura, del design e del settore immobiliare incontrano un pubblico professionale di alto profilo per innescare un dialogo e un confronto tra le parti. Con il contributo dei partner coinvolti nell’iniziativa - Ernestomeda, Fontanot, Cesana, Lema, Lualdi, BTicino, Florim, Gessi, Flos, Listone Giordano e Resstende - l’edizione propone un viaggio e un approfondimento sulle tematiche della progettazione e delle realizzazioni residenziali, una riflessione e un ragionamento sui cambiamenti dello stile di vita e le relative conseguenze sul mondo delle costruzioni e sui rapporti tra società, cultura e progettazione. L’incontro di giovedì 18 Ottobre scorso ha visto come protagonisti Matteo Cabassi, Amministratore Delegato di Brioschi Sviluppo Immobiliare, e Giampiero Peia, architetto fondatore di Peia Associati. Dopo il saluto di benvenuto di Lorenzo Pascucci, General Manager di Milano Contract District, Nicola Leonardi, editore di The Plan, ha moderato la conversazione e gli interventi dei due ospiti. La riflessione dell’architetto Peia si è concentrata sul rapporto tra collettività e privati e sulle modalità in cui questa relazione può essere mediata e veicolata nella progettazione. La visione dell’architetto è infatti attenta all’esigenza di includere e considerare le necessità di natura collettiva nei modi privati di consumare lo spazio. Attraverso un’analisi sull’evoluzione della città e sulle dinamiche di densità e di verticalità dello spazio urbano, Giampiero Peia ha condotto un ragionamento sulla necessità di favorire l’interazione tra sfera pubblica e sfera privata valorizzando inoltre il rapporto tra interno ed esterno. Visione condivisa anche da Matteo Cabassi, che vede nell’integrazione di funzioni diverse all’interno degli edifici una risposta per migliorare la qualità della vita delle persone. Il mix funzionale, accompagnato a un eccellente livello dei servizi, rappresenta una valida e concreta soluzione nell’ottica di un miglioramento della qualità residenziale. Anche il settore terziario sta vivendo una fase di reimpostazione a livello concettuale e di conseguenza spaziale: arricchire gli uffici con spazi dedicati allo scambio e all’incontro informale, si sta infatti dimostrando un modo per aumentare l’efficienza e la produttività delle aziende. L’AD di Brioschi Sviluppo Immobiliare riconosce questa tendenza anche sulla scala più ampia dell’urbanistica, che vede il superamento del modello tipico degli anni Sessanta e Settanta dei grandi settori specializzati a favore dell’integrazione di attività e funzioni diverse.

 

Milano Contract District
Via Melloni,  3 - I - Milano
Tel. +39 02 8403091
E-mail: info@contract-district.com - www.contract-district.com

Visualizza il pdf dell'articolo
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Milano Contract District  #2018  #Report  #The Plan 111 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054