DE CASTILLIA 23 UNA NUOVA ICONA ARCHITETTONICA NELLO SKYLINE DI PORTA NUOVA
  1. Home
  2. Architettura
  3. DE CASTILLIA 23, UNA NUOVA ICONA ARCHITETTONICA NELLO SKYLINE DI PORTA NUOVA

DE CASTILLIA 23, UNA NUOVA ICONA ARCHITETTONICA NELLO SKYLINE DI PORTA NUOVA

Un progetto di rinnovamento di un edificio incompiuto

Progetto CMR

DE CASTILLIA 23 UNA NUOVA ICONA ARCHITETTONICA NELLO SKYLINE DI PORTA NUOVA
Scritto da Redazione The Plan -
Ha partecipato al progetto Iris Ceramica Group

A Milano, Porta Nuova è una vetrina di architettura: il piano di riqualificazione dello storico quartiere industriale Isola e dell’ex scalo ferroviario, avviato nel 2009, ha infatti restituito alla città un ampio comparto urbano, con progetti avveniristici improntati al design, alla sostenibilità e spesso firmati da studi di architettura di fama internazionale. Il quartiere è oggi uno spazio vivo e vivibile, dove un complesso di edifici a uso misto, residenziale, terziario e commerciale è collegato da un sistema infrastrutturale che comprende aree verdi, aree pedonali, piazze, ponti e piste ciclabili.

In questo contesto sorge una nuova icona architettonica: l’edificio per uffici e retail denominato De Castillia 23, firmato da Progetto CMR e parte del progetto Urban Up del Gruppo Unipol, ovvero la piattaforma sviluppato dal Gruppo Unipol dedicato alla riqualificazione immobiliare degli edifici di proprietà del Gruppo e finalizzato alla valorizzazione di alcuni tra i più importanti immobili del parco architettonico italiano.

 

Una facciata vetrata, dinamica ed eco-attiva

De Castillia 23, Progetto CMR ©Andrea Strada, courtesy of Progetto CMR

Il progetto dona una seconda vita a un edificio nel cuore del quartiere Isola rimasto incompiuto e che da anni versava in condizioni di abbandono. L’intervento di Progetto CMR offre una nuova identità a questa architettura composta da due corpi (uno basso e uno alto), puntando principalmente sul rinnovamento della facciata, con un progetto in grado di elevarsi all’altezza degli edifici circostanti e che si pone esso stesso come promotore ed elemento chiave del piano di riqualificazione di Porta Nuova.

Ed è proprio la facciata a essere un tratto fondamentale dell'intero progetto: un involucro tridimensionale, prismatico e sfaccettato; una pelle cucita sul prospetto esistente come un vestito di vetro, che riflette e filtra la luce, con effetti cangianti, inaspettati e in grado di donare un’immagine di sé stessa sempre diversa a seconda dell’incidenza dei raggi solari.  

La facciata di De Castillia 23 si compone di pannelli vetrati di forma triangolare montati su una struttura in acciaio e disposti secondo la lettera V: la pelle riveste entrambi i volumi che compongono il De Castillia 23, per un totale di 1.100 m2, avvolgendo tutte le terrazze che circondano l’edificio. La facciata coniuga estetica e funzionalità: è un elemento che contraddistingue l’architettura nel panorama urbano, grazie ai giochi di luce e di riflessione, improntando il progetto a una forte vocazione alla sostenibilità. Grazie alla trasparenza dell’involucro, infatti, l’illuminazione interna degli uffici è garantita per il 70% dell’orario di lavoro dalla sola luce naturale.

Le superfici esterne opache sono inoltre realizzate con lastre ceramiche con proprietà antinquinanti, in grado di assorbire l’ossido di azoto disperso nell’atmosfera, fino a 59 kg all’anno, l’equivalente di un’area verde di 200.000 m2.

 

Estetica, funzionalità e sostenibilità

De Castillia 23, Progetto CMR ©Andrea Strada, courtesy of Progetto CMR

Non solo la facciata, tutto il progetto è improntato alla sostenibilità: gli impianti dell’edificio di ultima generazione sono alimentati da fonti rinnovabili; la copertura ospita un sistema fotovoltaico per la produzione di energia pulita e nell’edificio è installata una pompa di calore ad acqua di falda che sfrutta l’energia geotermica per il raffrescamento e il riscaldamento degli ambienti interni. A completare il progetto è infine stata piantumata un’area verde di 2.000 m2, per restituire all’ambiente circa 9 tonnellate di ossigeno all’anno.

Il progetto, che oltre a uffici e servizi è dotato anche di un auditorium e di un cortile interno, è stato premiato con il prestigioso Award of Excellence da parte del CTBUH – Council on Tall Buildings and Urban Habitat per la categoria degli edifici fino ai 100 metri di altezza, un riconoscimento che rafforza il ruolo e il prestigio di De Castillia 23, come elemento fondamentale della trasformazione di Porta Nuova.

>>> Scopri anche la sede AMCO all'interno del Business Center The Bridge di Milano.

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Location: Milan, Italy
Architects: Progetto CMR, Massimo Roj Architects
Main Contractor: Gilardi Costruzioni
Gross Floor Area: 33,350 sq. m

Consultants
Structures: Angelo Grasselli – Romano di Lombardia (BG)
Systems Engineering: Giorgio Finotti – Finotti & Ponzoni S.r.l

Suppliers
Façade Cladding: Fiandre – Granitech

​​​​​​​
Photography by Alberto Strada courtesy of Progetto CMR

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054