Complesso residenziale via Lelli - Antonio Iascone
  1. Home
  2. Architettura
  3. Complesso residenziale via Lelli

Complesso residenziale via Lelli

Antonio Iascone

Scritto da Francesco Pagliari - 4 giugno 2015

Nell'area delle colline bolognesi caratterizzata dalla presenza di calanchi, in un terreno in leggero declivio, il progetto per un insediamento di 7 residenze propone principi di equipotenzialità per definire omogenee qualità abitative. Le residenze sono ville singole, ad un piano fuori terra e con garage interrato: si suddividono in due gruppi, l'uno di quattro edifici nella zona a quota relativamente più alta del terreno, l'altro di tre. La disposizione delle residenze si organizza su due linee orientate in parallelo sull'asse nord-sud, con lievi disassamenti reciproci. L'accettazione del dislivello longitudinale del terreno diviene un fattore fondativo del progetto: l'organizzazione planimetrica segue le indicazioni del luogo, introducendo una composizione non schematizzabile in una geometria rigida, ma articolando una sorta di dilatazione spaziale fluida che apre visuali e procura un effetto di distinzione fra le residenze, pur nel processo compositivo unitario che rappresenta un tratto essenziale dell'intero intervento. L'accesso pedonale alle singole unità residenziali avviene per mezzo di due percorsi che si situano in direzione nord-sud nella fascia intermedia fra i gruppi di residenze, mentre l'accesso ai garages nel piano interrato di ciascuna abitazione avviene attraverso una via comune di distribuzione parimenti interrata. Ogni residenza dispone di spazi aperti, a verde e pavimentati, e spazi accessori per orto o giardino. I confini delle proprietà sono indicati da leggere e basse recinzioni, rese pressoché indistinguibili nel contesto, e da siepi. Il progetto per le residenze si fonda su elementi comuni, che denotano una forte identità dell'intervento e lo contraddistinguono nella direzione di una ricerca compositiva, in cui funzionalità ed eleganza procedono di pari passo, con raffinata semplificazione dei mezzi espressivi nella chiarezza qualitativa del progetto. Le coperture, gli spazi esterni, i materiali fanno parte di tale ragionamento identificativo e razionale. Le coperture sono costituite da lamiere in lega di rame, zinco e titanio: materiale e colorazione contribuiscono a rafforzare i fondamenti unificanti del progetto, d'immediata riconoscibilità; le coperture assumono un andamento continuo, che si definisce attraverso una serie di piani ad inclinazione differente, trovando limitati punti di raccordo fra le abitazioni. La sequenza delle coperture manifesta caratteristiche di rilievo, architettonicamente significative. Il forte aggetto rispetto alla pianta delle singole unità determina uno spazio d'estensione immediata degli interni, con un deciso senso di protezione e favorendo l'ombreggiamento; il risvolto della lamiera di copertura che, per ciascuna unità, prosegue in continuità fino a terra è un segno architettonico caratterizzante nel fornire uno spazio d'ulteriore vivibilità, in cui si esplicitano forme di protezione e riservatezza. I materiali per le pareti esterne accompagnano con delicatezza l'accento determinato dalle coperture: intonaci, legno per l'oscuramento delle aperture di finestre e vetrate, legno per pannelli di rivestimento. All'interno vige un medesimo atteggiamento di ricercata semplificazione, con intonaci per le pareti, legno per i pavimenti, legno per i gradini della scala che scende all'interrato e per le sezioni di parete che l'accompagnano. Gli alloggi mostrano un'applicazione ponderata del principio di diversificazione nelle piante quadrilatere, la cui geometria perimetrale le rende in ogni caso leggermente divergenti l'una dall'altra: comuni a tutte le residenze sono il muro cieco che prospetta a nord e la collocazione del soggiorno al vertice sud-ovest.

Francesco Pagliari


Antonio Iascone Ingegneri Architetti
Fondato nel 1988 a Bologna e di recente affiancato dalla sede milanese, lo studio Antonio Iascone Ingegneri Architetti si occupa della progettazione di edifici di diverse tipologie e scale, residenziali, commerciali, industriali, retail, fino all’allestimento interno.
Ogni progetto nasce come una nuova avventura guidata dal dialogo con committente e consulenti, ponendo attenzione a tutte le variabili, luogo, economia, tradizioni, materiali e tecnologie a disposizione, vagliando tutte le ipotesi nella ricerca di soluzioni ogni volta diverse, personalizzate e sostenibili nel tempo. L’interesse dello studio nei confronti dell’innovazione nel campo dell’architettura lo ha portato a sviluppare diversi progetti di ricerca anche in collaborazione con l’università di Bologna.
Lo studio è inoltre impegnato in iniziative per la promozione della cultura dell’architettura e della sociologia urbana.

Antonio Iascone
Nato a Bologna nel 1960, si laurea in Ingegneria Civile Edile presso l’Università di Bologna nel 1985. Negli anni successivi alla laurea è ricercatore all’ICIE (Istituto cooperativo per l’innovazione tecnologica). Dal 1988 avvia l’attività professionale e si dedica alla progettazioine con particolare interesse per gli aspetti tecnologici dell’architettura.
Dal 1995 collabora con il Dipartimento di Architettura e Pianificazione Territoriale della facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna con moduli e seminari all’interno del corso di Architettura tecnica e caratteri costruttivi degli edifici. Realizza alcuni articoli e pubblicazioni sul tema dei materiali e delle tecnologie dell’architettura. Collabora, dalla sua fondazione, con la rivista The Plan.

Tipologia: Complesso Residenziale
Luogo: Rastignano di Pianoro, Bologna
Committente: PH Srl
Anno di ultimazione: 2013
Superficie costruita: 1.500 mq
Costo di costruzione: € 2.700.000
Impresa di Costruzione: BMV Srl

Consulenti della progettazione
Strutture: Luca Turrini
Impianti meccanici: Pool Progetti Studio Associato
Impianti elettrici: Mario Lipparini

Fornitori
Coperture: VM Zinc
Pavimenti e rivestimenti bagni: KeraKoll, Mutina, Casalgrande Padana, Cedir
Pavimentazione esterna: Il Casone
Piscina: Apitalia

Fotografie: 1-13-14 © Fabio Mantovani, 2/11 © Max Zambelli


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054