Comédie de Béthune
  1. Home
  2. Architettura
  3. Comédie de Béthune

Comédie de Béthune

Manuelle Gautrand Architecture

Comédie de Béthune
Scritto da Manuelle Gautrand Architecture -

La cultura è diventata un elemento cardine nello sviluppo dell’area Nord-Passo di Calais sin dagli anni Ottanta. La Comédie De Bethune rappresenta infatti la volontà dell’amministrazione locale di dotare la città di un centro nazionale di drammaturgia, capace di farsi emblema culturale del territorio.
Il teatro, eretto nel 1992 all’interno di un padiglione con 300 sedute, venne trasferito a distanza di un solo anno in un’ex polveriera realizzata da Vauban, riqualificata in “Teatro Studio” e ancora in attività.
Dove oggi sorge La Comédie De Bethune, un tempo vi era la sede di una sala cinematografica chiamata “The Palace” e risalente agli anni Trenta. Di questo edificio, demolito durante gli anni Novanta, non rimane che la facciata, sostenuta da travi di acciaio.
Il progetto a cura dello studio Manuelle Gautrand Architecture, vincitore del concorso nel 1994, ha previsto la riqualificazione del teatro con l’aggiunta di un’estensione: due sezioni funzionali, la prima contenente gran parte del programma (successivamente portato a compimento) e la seconda, irrealizzabile a breve termine poiché necessitava la demolizione di una casa.
Nel 2009, con l’abbattimento dell’edificio, è stato possibile ultimare le operazioni, con il completamento e il miglioramento delle funzioni del teatro, l’aggiunta di una sala prove e il rimodernamento generale, in linea con le norme di sicurezza vigenti (cambiate durante gli ultimi 15 anni). L’estensione, situata all’angolo del sito, si sviluppa su tre livelli: il primo, dedicato alla sala prove, viene sormontato da un piano per uffici, che si collega con quello della struttura esistente (anch’esso per uffici).
Le dimensioni della sala prove hanno consentito di ricollocare l’ingresso all’angolo tra Via 11 Novembre e Avenue Victor Hugo. Una misura già prevista in fase di concorso, che ha comportato una serie di vantaggi: dà infatti maggiore visibilità al teatro e una migliore accessibilità al bar. Quest’ultimo, precedentemente dislocato sottoterra, risentiva sia dell’assenza di un accesso diretto dall’Avenue Victor Hugo sia della mancanza di illuminazione naturale. Il riposizionamento dell’ingresso ne ha dunque migliorato la raggiungibilità, favorendo l’ingresso dei raggi del sole e un piacevole viavài di persone.
Al di sopra, l’amministrazione ha a disposizione uno spazio maggiore e più funzionale, grazie all’aumento della superficie disponibile grazie alla connessione tra il piano esistente e quello dell’estensione.
Molti spazi sono stati modificati all’interno del volume esistente. Infatti, da quando è stato inaugurato 15 anni fa, le normative di sicurezza si sono evolute (come quelle in caso di incendio e per disabili).
L’estensione ha inoltre richiesto la realizzazione di una scala a destra del nuovo ingresso, così da connettere la sala prove dell’accademia nazionale di arte drammatica (CNAD) e i suoi uffici al piano terra con il dipartimento amministrativo al primo livello. In questo modo, l’edificio ha finalmente raggiunto i più alti standard di regolazione termica ed energetica possibili.
Tutte queste operazioni sono servite per completare lo spazio al di sopra della platea, lasciata “spoglia” durante la costruzione dell’edificio originario, e la sua riconversione in una seconda sala prove, più piccola e sprovvista griglia, a cui si accede facilmente per mezzo delle scale che conducono agli uffici.
Per quanto concerne l’estensione, lo studio ha preso spunto dalla semplicità del rettangolo. Ha così concepito un volume geometrico, posizionandolo in angolo tra Via 11 Novembre e l’Avenue Victor Hugo.
L’estensione sembra connettere simbolicamente tutte le funzioni: l’ingresso si apre su entrambe le strade, abbracciando la nuova sala prove e mettendo in comunicazione quest’ultima con l’atrio originario. La sua lunghezza consente l’allestimento di svariati punti ristoro a disposizione tanto degli artisti, quanto del pubblico.

Location: Béthune, France
Client: La Comédie de Bethune 
Completion: 2014
Gross Floor Area: 20,820 m2
Cost of Construction: 3,600,000 Euro
Architects: Manuelle Gautrand Architecture
Main Contractor: Ramery

Consultants
Stage design: Bati-scene
Structural engineering: Khephren
Acoustics: Jean-Paul Lamoureux
Fluids engineering & economy: Hexa Ingenierie
Scheduling and coordination: HD Project

Photography: 1-3/17 © Luc Boegly, 2 © Philippe Ruault

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Articoli Correlati

Scopri di più


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054