Casa K2, interpretare l’architettura
  1. Home
  2. Architettura
  3. Casa K2, interpretare l’architettura

Casa K2, interpretare l’architettura

Il progetto punta sulla valorizzazione di alcuni elementi studiati ad hoc nel rispetto della tradizione altoatesina

monovolume architecture + design

Casa K2, interpretare l’architettura
Scritto da Redazione The Plan -

Prati e boschi, dolci colline punteggiate da piccoli paesini, filari di vigneti a cui fanno da sfondo le vette dolomitiche: l’altopiano del Renon è un paesaggio di montagna noto per i suoi panorami sconfinati ed è una delle perle dell’Alto Adige. A Soprabolzano, una piccola frazione del Comune di Renon, lo studio monovolume architecture + design è intervenuto su un edificio storico della tradizione con un intervento di restyling volto a interpretare in chiave contemporanea l’architettura vernacolare del luogo.

La casa, addossata a un leggero declivio sul lato a nord, si apre verso sud con quattro livelli fuori terra ed è sormontata da un tetto monumentale, da cui spuntano gli abbaini della mansarda, che copre i volumi come avvolgendoli dentro a un rifugio caldo e sicuro. L’illuminazione artificiale, studiata ad hoc per evidenziare linee e superfici della copertura, ne esalta la monumentalità durante le ore notturne.

I prospetti sono caratterizzati per un aspetto tradizionale, su cui spiccano elementi di contemporaneità: le pareti intonacate dei primi tre livelli e il rivestimento in legno del piano mansardato sono infatti tipici dell’architettura tradizionale. Su questa “base” neutra spiccano gesti architettonici calibrati con attenzione: la scala esterna, estremamente minimalista, ne è un esempio. Una linea che sinuosamente si eleva fino ai piani superiori, andandosi a nascondere all’interno di un volume semitrasparente, creato da tanti listelli di legno: la scala esterna è la protagonista dei prospetti, costituendo un segno architettonico di forte impatto.

Anche all’interno, gli ambienti sono stati progettati ruotando attorno a una monumentale scala autoportante a U, altra protagonista del design interno: i parapetti in acciaio e le pedate in legno la rendono un elemento di grande carattere che definisce gli ambienti con un design unico.

>>> Scopri anche Villa EB.

 

Intimità, calma e calore negli interni

Casa K2, monovolume architecture + design ©Giovanni De Sandre, courtesy of monovolume architecture + design

Come gli esterni, anche gli ambienti interni vedono l’utilizzo di materiali tradizionali – il legno in particolare – per la definizione degli ambienti.

Con una palette di colori più chiara e tenue –  le pareti in intonaco bianco, gli arredi e le superfici in legno grezzo chiaro, le stoffe dei mobili dai colori pastello –  gli interni sono caratterizzati da un’atmosfera tranquilla e intima, in contrasto con il carattere più deciso dei prospetti esterni.  Le montagne che circondano l’edificio entrano come grandi quadri dalle finestre, costituendo così un elemento integrante dell’ambiente.

Arredi su misura vanno infine a incorniciare ed evidenziare gli elementi architettonici e costruttivi della casa, come la libreria ricavata nella trama delle travi del tetto del piano mansardato o il mobile polifunzionale nella zona giorno del piano terra che incorpora la stube in maiolica, grande richiamo alla tradizione locale e cuore della casa di montagna.

Iscriviti alla newsletter

 

Location: Soprabolzano, Italy
Architects: monovolume architecture + design
Client: Private
Area: 245 m2
Completion: 2021
Main contractor: Rittnerbau GmbH
Consultant: Eurolicht
Photography by Giovanni De Sandre, courtesy of monovolume architecture + design

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054