University Library Expansion and Student Centre - Snøhetta
  1. Home
  2. Architettura
  3. University Library Expansion and Student Centre

University Library Expansion and Student Centre

Snøhetta

Scritto da Snøhetta - 23 giugno 2015

All’intersezione tra il campus accademico e un’importante strada commerciale, lo Student Learning Center è un elemento di rinnovamento nello sviluppo della città di Toronto e della Ryerson University.
Il progetto ha previsto l’estensione della biblioteca universitaria, con la creazione di spazi comuni e ambienti dinamici per la formazione. Scopo dell’intervento è inoltre promuovere con forza la qualità urbana, già ampiamente a servizio di chi opera nel ramo delle vendite e del commercio lungo Yonge Street, una delle strade più conosciute di tutto il Canada per lo shopping e gli affari.Per prima cosa è stata realizzata una piattaforma sopraelevata, orientata a sud, che si apre sull’incrocio della strada. Un luogo ideale per favorire la socialità e l’interscambio, con panchine dove sedersi e punti di ritrovo per gruppi più numerosi.
Non è né una piazza né un portico, bensì una combinazione di entrambi. Una serie di gradini e rampe conducono all’ingresso, posto al di sotto di una copertura inclinata che indirizza la luce solare verso gli spazi pubblici e l’entrata. Lungo la medesima via commerciale, è stato inoltre creato un centro commerciale, un’aggiunta che garantisce maggiore accesso ai negozi senza però “soffocare” il progetto nelle sue componenti pubbliche e universitarie.
Una volta entrati, l’ampio atrio mette a disposizione altri luoghi informali dove sostare e parlare, ma anche un’area studio (aperta fino a tarda notte) e una caffetteria. Le scale conducono al primo piano, riservato alla formazione e ai nuovi media, collegato per mezzo di un ponte all’edificio preesistente dove è posta la biblioteca storica. I livelli superiori sono destinati alle diverse attività di apprendimento.
Ogni piano differisce per pianta, sezione e tecnologia a disposizione. Uno di questi, chiamato “la spiaggia”, è un’area studio aperta e di grande semplicità, che si estende per tutta la superficie, strutturandosi secondo una serie di piccole terrazze tra loro connesse da rampe e lievi gradini.L’arredo è informale e facilmente riadattabile a seconda delle esigenze di chi se ne serve. All’ultimo piano del complesso, una terrazza in copertura permette di godere della luce del sole e di estese vedute sulla città.
Le facciate, rivestite in maggioranza da una pelle in vetro sinterizzato, presentano un motivo differenziato. Oltre a controllare i raggi UV, riflettono la luce all’interno dell’edificio, nelle aree di lavoro e di lettura, diffondendo negli ambienti un pattern “a macchie” che crea un’atmosfera informale e amichevole. La presenza all’ingresso di ampi pannelli rivestiti in “simil-ceramica” aiuta a diffondere la luce anche al livello stradale.In linea generale, lo scopo del progetto è creare condizioni idonee per accogliere una pluralità di persone, senza imporre un preciso livello o una determinata tipologia di interazione. La nozione di apprendimento diffuso nello spazio, qui utilizzata, ha origini radicate nella progettazione delle stoà greche del periodo classico. Gli interni sono organizzati per essere al tempo stesso vivaci e controllati, permettendo così anche momenti di riflessione e di studio intenso. Ancora una volta, gli spazi di apprendimento e le biblioteche presentano una natura più tendente all’innovazione che alla prescrizione.
Snøhetta